Un Genoa dedicato a noi

Vorrei dire che sono contento che finisca, questo 2008. Perché finalmente posso pensare che il meglio debba addirittura ancora venire. Però il 2009 e il 2010 e il 2011 li regalo volentieri ai miei figli e ai genoani che sono nati in serie A. Io intanto mi tengo stretto questo 2008. E lo dedico a noi.
A noi che «solo chi soffre impara ad amare». A noi che non esistiamo perché abbiamo visto e vissuto uno scudetto, ma perché abbiamo visto e vissuto il Montevarchi e il Pizzighettone. (...)