Genoa e Bologna come ai bei tempi

Silvano Tauceri

I rossoblù d’antica tradizione (16 scudetti) sono al vertice della serie B, con Genoa e Bologna uniche a punteggio pieno. Cade il Napoli sotto i gol di due napoletani doc come Nocerino e Riccio inframezzati dall’illusorio pareggio del solito Calaiò, e qualche incertezza difensiva graziata da un paio di clamorosi errori dell’argentino Simon, possente ma di scarsa dimestichezza con il pallone.
È questo il risultato più rilevante della seconda giornata, caratterizzata da altri recuperi di squadre (Mantova e Cesena su Pescara e Crotone) che nella scorsa stagione avevano sfiorato la promozione e sono determinate e riprovarci con adeguati rinforzi tecnici.
Genoa e Bologna vincenti ma con molti rischi. Soprattutto gli emiliani contro lo Spezia, salvati dalla traversa all’ultimo minuto (tiro di Dionigi con Antonioli abbondantemente superato) e miracolati dalla prodezza del cannoniere Bellucci sul repentino e casuale contropiede.