Il Genoa fa gli auguri di cuore ai suoi tifosi

Il Genoa chiude il suo fantastico 2007 con una prestazione tutto cuore e intelligenza tattica che gli permette di battere il Parma per uno a zero in uno scontro diretto per la salvezza. Decide il calcio di rigore di Borriello al 43’ del primo tempo, l’attaccante viene trattenuto in area da Paci e la massima punizione è inevitabile. Lo stesso Borriello poco prima aveva sprecato una palla gol sugli sviluppi di una punizione. I rossoblù salgono a 19 punti in una posizione di classifica in linea con le attese. Il presidente Preziosi a fine match ha elogiato il gruppo e soprattutto De Rosa, Milanetto e Konko tra i migliori in campo.
RUBINHO 6.5: attento nelle mischie infernali che si susseguono davanti ai suoi occhi soprattutto nel finale ed è stato bravissimo su una conclusione di Morrone che gli è sbucato all’ultimo secondo.
MASIELLO 6.5: sempre concentrato non commette mai una sbavatura. Imposta con sufficiente autorità qualche azione come gli chiede Gasperini. Una piacevole sorpresa.
DE ROSA 7.5: passa dalla tribuna alla panchina e raramente è stato impiegato in questa stagione dal primo minuto. Rispolverato dalla naftalina da Gasperini in un match pesante si prende molte rivincite mostrando di essere un leader vero. Non a caso aveva la fascia da capitano.
SANTOS 7: di testa le prende tutte lui nel fortino è una contraerea infallibile e la sua prestazione è da incorniciare. I suoi centimetri pesano. Su Gasbarroni diventa fondamentale quando prende il posto in mezzo al campo di Paro. Corsa, carattere, condizione fisica, buona tecnica. Ecco gli ingredienti di una partita super.
PARO 6: si fa vedere per acume tattico e per qualche buona apertura, ma un po’ fantozzianamente deve lasciare il campo perché colpito ad un occhio da Sculli nel momento della festa sotto alla Nord per il gol partita di Borriello (dal 43 pt Rossi 6: aggiunge al match una prestazione fatta di dinamicità e sacrificio. Da vera bandiera rossoblù si gode il suo momento felice).
MILANETTO 7.5: il regista perfetto in una sfida dove serviva anche alzare i gomiti. E lui lo ha fatto con la consueta grinta ed esperienza. Qualcuno qualche settimana fa lo voleva mettere sul mercato ma la sua classe a questo Genoa serve eccome.
JURIC 6.5: avesse anche i piedi buoni sarebbe da Nazionale. Sbaglia qualche passaggio di troppo ma ci mette l’anima e non molla mai la presa. Un mastino utilissimo.
LEON 5.5: è stanco e si vede. Raramente salta l’avversario diretto e spedisce in gradinata troppi assist invitanti. Benedetta sosta, ha bisogno di rifiatare dopo prestazioni comunque sempre pregevoli (dal 32 st Papa Waigo sv: il senegalese dovrebbe fare le valigie. Peccato per il gol che segna nel finale che però viene giustamente annullato per fuori gioco).
BORRIELLO 7: sebbene su rigore realizza il suo ottavo gol stagionale. Canta e porta la croce come di consueto ingaggia con Paci e Falcone un duello tutto muscoli. Bucci gli nega con due prodezze il gol su azione.
SCULLI 5.5: fa il compitino e poco più. Non riesce mai a superare Coly che pure non è un fulmine di guerra. Da rivedere anche perché può fare di più (dal 40’ st Fabiano: sv, nel convulso finale fa la sua parte con alcune sgroppate).
GASPERINI 7: chiude il suo 2007 fantastico costellato dalla promozione con un successo che mancava alla sua squadra da due mesi e mezzo e che gli riporta il meritato sorriso sul volto. Bravo a ingabbiare Gasbarroni e Reginaldo e a motivare due senatori come De Rosa e Milanetto.
ARBITRO GIRARDI 6.5: non gli sfugge la trattenuta galeotta di Paci su Borriello che rappresenta la svolta dell’incontro. Il rigore è solare e finalmente il Genoa può usufruire di un sacrosanto tiro dagli undici metri. Nell’ultimo quarto d’ora va un po’ in confusione ammonendo a casaccio, ma non è decisivo sul risultato finale.