Il Genoa fatica, stringe i denti e riesce a liquidare il Treviso

La serie B è tutta un quiz, c'è poco da fare o dire. Bisogna adeguarsi e stop. Il Treviso insegna, meglio prendere appunti per il futuro. Anche se non è stato il solito Genoa, troppa voglia di spaccare il mondo e poca lucidità. Non poteva essere facile, aveva avvertito tutti Gasperini. Almeno nel primo tempo è stato un Grifone con il freno a mano tirato. Ma per fortuna c'era Leon che aveva quel piede telecomandato dopo 16' minuti. Di Vaio creava, lui realizzava con una traiettoria potente che inchiodava Avramov. Gol splendido. Poteva essere lo slancio giusto per il Genoa che, però, si fermava. Mancava all'appello soprattutto Milanetto e la squadra rossoblu soffriva tremendamente. Difficilmente si presentava dalle parti di Avramov, non bastava il solo Coppola (clamoroso il suo palo nei minuti finali!) a centrocampo che lottava per due. Il Treviso? Controllava e aspettava il momento giusto per colpire. Vedi al 41'. Angolo, spizzicata di Fava, Moro anticipa Rossi e segna. Il Genoa, nella ripresa, sembrava più tonico. Doppia punizione di Leon, doppio brivido per Avramov. Poi, al 19' Di Vaio saliva in cielo sul cross di Fabiano, il Genoa faceva ciao ciao al Treviso.
RUBINHO 6 - Non può fare nulla sul colpo di testa ravvicinato di Moro, per il resto si fa trovare pronto.
BEGA 6 - Riprende il suo posto dopo la squalifica, sbaglia pochissimo. Grande sostanza.
DE ROSA 6,5 - Rientra dopo alcune settimane di stop, guida il reparto con autorità. Sempre puntuale negli anticipi. (dal 37' st JURIC)
CRISCITO 7 - Caricato dopo i complimenti del ct azzurro Donadoni (che proprio ieri sera era in tribuna al Luigi Ferraris), vuole confermare ancora una volta il suo ottimo stato di forma.
M.ROSSI 6 - E' sempre mister generosità anche se ogni tanto gli manca un pizzico di lucidità. Si fa anticipare da Moro in occasione del pareggio veneto.
COPPOLA 7 - Affianca Milanetto nel cuore del gioco rossoblu, un mastino che toglie il respiro agli avversari: non
sbaglia un pallone. Potrebbe anche segnare, sfiora il gol per un soffio in due occasioni.
MILANETTO 5 - Partenza sprint, poi un lungo break. Non è il solito faro della manovra rossoblu, troppi errori in fase di appoggio.
FABIANO 6 - Deve fronteggiare Camorani che spinge tantissimo, non può accendere il turbo come gli capita spesso. Ma si riscatta quando offre a Di Vaio il pallone del 2-1. (dal 41' st GRECO)
LEON 7 - Lui il pallone lo accarezza, gli altri lo calciano. Un giocoliere. E' la sua serata, lo capisci subito. 16': quella punizione che finisce all'incrocio dei pali è deliziosa. Nella ripresa altri due piazzati che fanno tremare Avramov. (dal 33' st STELLINI)
GASPARETTO 6 - Con i suoi centimetri mette spesso e volentieri in crisi la difesa del Treviso, e quando può prova la conclusione.
DI VAIO 7 - Subito molto attivo, si fa vedere nell'area veneta dopo 5 minuti. Si muove tantissimo anche se non è facile trovare spazi. Ha il merito di guadagnare il piazzato da cui nasce il gol di Leon. Nella ripresa prende l'ascensore per superare di testa Avramov.
GASPERINI (ALL.) 6,5 - E' un Genoa non al massimo sotto il profilo fisico, sono stati poco brillanti i rossoblu. Ma ci hanno messo il cuore, in questo momento serve anche questo.