Genoa Il Gasp non accetta altri cali di tensione

Guai ad abbassare la guardia. In vista della Fiorentina (arbitra il bolognese Rizzoli), Gian Piero Gasperini è categorico, non ammette cali di tensione. E anticipa l’appello della Società Italiana di Alcologia per sensibilizzare i giovani sul tema degli alcolici e degli incidenti stradali. «Alza la testa, abbassa il gomito», questo lo slogan coniato per l’iniziativa alla quale ha aderito la società rossoblù con Mesto testimonial. «Rialza la testa, Grifone» sembra dire invece il tecnico di Grugliasco. La debacle capitolina non è andata giù e Gasperini, deciso, avverte: «Per fare bene occorre sempre dare il massimo, il 90% non basta, dobbiamo essere al 100. Serve più attenzione, cattiveria, maggior concentrazione. Certi obbiettivi arrivano se ci metti qualcosa in più. Il Genoa deve giocare come quando c’era da raggiungere un traguardo importante, vedi la promozione o la salvezza». Giocarsela, dunque, fino in fondo, perché - a detta del mister genoano - «la brutta esperienza del finale della scorsa stagione, in cui perdemmo le ultime quattro partite» deve restare un episodio isolato. Juric e Jankovic tornano in gruppo; Rubinho ci sarà.