Genoa, Gasperini cambia ancora

Alla settima giornata il Genoa cambia ancora volto. Giampiero Gasperini, infatti, molto per necessità, un po’ per scelta, anche contro il Siena dovrà cambiare formazione rispetto alla prestazione precedente. E questo fa da filo conduttore a tutta la stagione fin qui disputata dai rossoblù. Con il Catania, per esempio, mancava Milito mentre con il Milan l’argentino fece il suo imperioso ritorno e Olivera partì dalla panchina. A Palermo ecco dal primo minuto l’ingresso di Palladino, con Gasbarroni out che però rientrò contro la Roma. A Firenze altre variazioni, anzi una rivoluzione figlia del turn-over con Milito in panca e con la prima di Sokratis e Bocchetti che invece col Napoli ha lasciato il posto al rientrante Biava.
E domenica prossima, nel fortino di Marassi, altro giro di valzer obbligato: fuori Rossi e il greco per squalifica, infortunato Modesto, pure Olivera si è bloccato mentre Gasbarroni è nuovamente molto incerto. L’ex del Parma è inutilizzabile dal 24 settembre scorso. Tre settimane fermo e ufficialmente solo per un risentimento agli adduttori come era stato diagnosticato dal medico sociale Costantino. Per fortuna buone notizie arrivano da Milanetto e Ferrari che sono tornati definitivamente in gruppo. Dovrebbero farcela entrambi e in questo senso l’amichevole di questo pomeriggio, preceduta dalla conferenza stampa di Rubinho, contro la Lavagnese, squadra che milita in serie D, sarà molto indicativa.
Gasperini però non fa una piega, in fondo è abituato a sfornare idee ed è così che prende corpo l’ipotesi dell’impiego dall’inizio col Siena di Jankovic. Il serbo ha giocato solo in Coppa Italia con il Ravenna oltre a qualche spezzone di altre partite di campionato, ma seppur di ritorno dagli impegni con la sua Nazionale potrebbe essere lanciato, considerato che a sinistra c’è un vuoto che potrebbe essere impiegato con l’arretramento di Sculli che di conseguenza farebbe spazio a Jankovic.
Prima della partita del Siena l’associazione club genoani ospiterà i bambini di una scuola elementare senese. Mattinata all’Acquario e visita alla città, poi tutti allo stadio.
Infine la Coppa Italia. L’attesa partita contro l’Inter, a San Siro, si giocherà martedì 13 gennaio.