Genoa a Parma con un Leon in più

Nessuna pretesa di fare capolavori come quelli del Correggio, che finirà oggi sulle maglie del Parma per sponsorizzare una mostra monografica sul pittore italiano del '500, ma nemmeno la voglia di fare beneficenza. Il Genoa scenderà in campo oggi al Tardini (ore 15) per cercare per lo meno di dipingere Borriello in vetta da solo alla classifica cannonieri e lo farà buttando in campo anche Leon. L'honduregno ha recuperato dalla botta al polpaccio ed è stato regolarmente convocato e, pur non essendo al meglio, dovrebbe essere tra i titolari dell'attacco accanto a super Marco e a Sculli mentre, per lo meno all'inizio, non si dovrebbe vivere il duello tra i fratelli Lucarelli. Il difensore rossoblù, a differenza della punta emiliana, sembra infatti destinato alla panchina. Nessuna pretesa, si diceva, ma anche di fronte ad un Parma decimato e all'ultima spiaggia, c'è la voglia di non sfigurare come successo domenica scorsa al Ferraris con l'Empoli. «Loro giocheranno con il coltello tra i denti - ha dichiarato uno degli uomini mercato rossoblù, Abdoulay Konko - ma dovranno stare attenti a non farsi mangiare da due nemici: il nervosismo e la frenesia. Negli spazi, abbiamo dimostrato di andare a nozze. Ci teniamo, a concludere in bellezza questo campionato fantastico». Anche perché nei campionati a girone unico il Genoa a Parma, su tredici incontri, non ha mai vinto raccogliendo la miseria di sette punti frutto di altrettanti pareggi. E chissà che il brasiliano Wilson non possa passare dal ruolo di foto in bella mostra nella notizia che campeggia nel sito internet, a quello di debuttante in serie A dopo qualche apparizione nella Primavera. E a proposito di ragazzi la squadra di Chiappino si è qualificata agli Ottavi di Finale del campionato di categoria pareggiando ad Arenzano con il Brescia (1-1).