Il Genoa preferisce la ripresa per mettere il turbo e segnare

Il Genoa è come la Ferrari, una squadra dotata di un motore dalla ripresa fulminante. Basta guardare i numeri per capire che i secondi tempi sono stati spesso decisivi. Escludendo l'inizio con il Milan infatti nelle partite disputate fin qui nella ripresa la squadra di Gian Piero Gasperini ha dato un importante accelerata a partire da Catania quando nel secondo tempo arrivo un gol poi annullato. Alla terza giornata proprio nei secondi quarantacinque minuti è arrivato il primo gol rossoblù con Marco Borriello. Niente gol nel derby anche se le cose migliori made in Gasperini si sono viste al ritorno dagli spogliatoi. Poi al Ferraris è arrivato l'Udinese e nella ripresa sono arrivate due reti realizzate dal solito Borriello anche se in questo caso ne sono state subite altrettante. A Napoli il gol vittoria è giunto praticamente al 90' e ha fruttato tre punti. Stessa storia nell'ultima partita con il Cagliari dove l'equilibrio si è spezzato dopo circa un'ora di gioco e poi il Genoa è andato sul velluto. Indicazioni interessanti e soprattutto incoraggianti perché denotano che il gruppo è in crescita fisica ed ha una tenuta importante. Oggi la squadra di Gasperini riprenderà la preparazione. E a proposito di recuperi dopo la sosta è atteso il ritorno in gruppo di Bega e Fabiano e anche di Lucho Figueroa. Tutti pronti ad esorcizzare il novembre nero del tecnico. Ma con una ripresa così il gran premio della serie A si può affrontare con un pizzico di ottimismo.