Genoa, è una questione di stile

Paola Balsomini

Se uno volesse «investire in emozioni», come recita una delle nuove quattro stanze del sito internet curato da Dino Storace, da oggi basta un clic. Ovviamente sul sito del Genoa, dove le sorprese, nemmeno a dirlo, non finiscono mai. Entro la fine dell’anno infatti i tifosi rossoblù potranno acquistare i prodotti del Grifone direttamente sul web con uno spazio riservato all’e-commerce. Una sorta di sfilata virtuale, presentata ieri in anteprima dall’amministratore delegato Alessandro Zarbano, con i nuovi prodotti dell’Errea, dalle nuove maglie, alle felpe, fino ad arrivare ai prodotti per bambini, con il baby accappatoio rossoblù e le ciabattine. Basta quindi un viaggio virtuale per scegliere il gadget preferito: c’è il set di penne a 6 euro, la cintura a 10 euro, l’ombrello da borsetta a 17 euro e 20, l’accendino ricaricabile a 3 euro e 60. Per cifre un po’ più alte invece si può scegliere il borsone a 53,50, l’orologio da polso a 35 euro, o il berretto da pescatore a 15 euro. Tutto rigorosamente rossoblù.
Insomma il popolo genoano avrà l’imbarazzo della scelta, e nel frattempo, per i regali natalizi, si potrà consolare con un Genoa Store completamente innovativo: «Innanzitutto - spiega Zarbano - sarà un negozio molto più giovane e decisamente funzionale. Ad esempio verrà ampliato lo spazio riservato alla vendita dei biglietti e per il prossimo campionato verranno eliminati anche i problemi legati alla sottoscrizione degli abbonamenti». In realtà il Genoa ha deciso soprattutto di darsi una «nuova immagine», con un progetto che darà un volto nuovo alla comunicazione della società. Si chiama, non a caso, «Genoa Image» e nasce con l’obiettivo di uniformare tutte le relazioni esterne del club. Oltre al merchandising (la società perfezionerà un nuovo strumento di ologrammi per prodotti, riconoscendo così il marchio originale da quello contraffatto), la ricostruzione del sito internet e la promozione dei prodotti rossoblù, «Genoa Image» è anche «Obiettivo scuola». Il primo ha già preso il via in Genoa-Sambenedettese con i «giovani giornalisti in erba», ma le iniziative proseguiranno con «Genoa invita», in cui i piccoli rossoblù ospiteranno bimbi di altre città e li accompagneranno al Ferraris. Sarà poi la volta di «Mondo calcio», «Genoa in musica», «Festa in campo», per chiudere con il «Carnevale rossoblù», in cui 500 bambini mascherati assisteranno ad una partita del Grifone.