Genoa-Salernitana nei play off

Giovanni Porcella

La Caf ha bocciato il Teramo. Per i play-off il Genoa incrocerà destini e tacchetti contro la Salernitana. Nei confronti degli abruzzesi la Corte d'Appello Federale ha riscontrato un vizio di forma nel ricorso presentato dopo la condanna della Disciplinare. Ricorso considerato «inammissibile, ai sensi dell'articolo 29, comma 1 del Codice di Giustizia Sportiva, perchè sottoscritto da persona non legittimata» si legge nel comunicato ufficiale firmato dalla Caf. In pratica le carte presentate dal Teramo erano firmate dal presidente Romano Malavolta jr squalificato nel precedente dispositivo della Disciplinare. Ora il club biancorosso come ha già annunciato lo stesso presidente, ricorrerà al Tar del Lazio. Ma a Salerno esultano e si preparano al match con i rossoblù analizzato così dal tecnico Giovanni Valvassori: «Allora, ci tocca la Salernitana? Abbiamo un grande rispetto. Lo stesso che se l’avversaria fosse stata il Teramo. Fondamentale è ripartire e presentarci carichi all’appuntamento. Che è il più importante della stagione». Zaniolo, Lopez? «Condizione fisica e mentale sono componenti determinanti. Più giocatori ho a disposizione e meglio è. Avete visto la finale di Champions, decisa da chi è subentrato? Quello vuol dire essere una squadra. Non importa se uno parte dalla panchina, conta il contributo che sa dare. Zaniolo deve migliorare la condizione, come del resto anche altri. Lopez non ha subìto il contraccolpo per la mancata convocazione. In partita o in allenamento, dà sempre tutto». Infine Valvassori consegna una battuta che vale uno slogan: «Dopo nove mesi di campionato, siamo pronti per partorire. Tutti vogliono vincere: il problema è ciò che si è disposti a sacrificare per andare su».