Il Genoa si prepara al derby con 150 bandiere del Saharawi

Meno sei. E non è solo il tormentone dei tifosi rossoblù ai cugini. Sei giorni e sarà derby e dopo tanto il Genoa ci arriva davanti e da favorito. La squadra rossoblù avrebbe potuto anche arrivarci da quarta forza del campionato se con il Bologna fosse arrivato un successo. Ecco il rimpianto di una partita che comunque ha espresso nel pareggio il risultato più giusto. Ma proprio il rimpianto è durato 24 ore. Da oggi si inizia a preparare 'La sfida' e Gasperini lo fa con l'organico quasi completo. Tornano dalla squalifica Thiago Motta e Criscito mentre il giudice sportivo oggi non riserverà alcuna sorpresa dopo il ventilato pericolo giallo. Restano quindi ai box Modesto e Paro oltre a Roman per il quale è stato accertata una lesione al bicipite femorale della coscia sinistra. Da valutare invece Mesto. Gli esami a cui è stato sottoposto ieri hanno infatti escluso lesioni e quindi il giocatore verrà valutato di giorno in giorno. In attesa di capire se potrà convocarlo o meno il 'Gasp' si trova di fronte ad una delle tante scelte: Palladino o Gasbarroni? Nella sfida con il Bologna infatti l'ingresso dell'ex parmigiano ha dato quel cambio di passo alla squadra che nel primo tempo l'ex juventino non era riuscito a dare. Con Gasbarroni infatti il Genoa è arrivato alla prima conclusione verso la porta bolognese e dai suoi piedi è partito il cross per il gol di Sculli. «Io sto bene e sono pronto. Certo che il derby è una partita particolare - ha commentato 'Gasba' - ma del passato in blucerchiato non parlo. Io ho un contratto di quattro anni con la maglia rossoblù e ora voglio togliermi delle soddisfazioni». Gli fa eco il suo 'concorrente' di reparto. «Per me è il primo derby - ha sottolineato Raffaele Palladino - spero di una lunga serie, con la maglia del Genoa. Non sono uno che non dorme prima di queste sfide, però ci tengo parecchio». Intanto dal mondo della tifoseria arriva la notizia che le donne Saharawi della cooperativa "Mujeres de 27 de Febrero" confezioneranno 150 bandiere del Genoa che le sono state commissionate dall'Associazione Club Genoani e dal Genoa Club "Red'n Blue Ladies". Una rappresentanza delle due associazioni fornirà 200 metri di stoffa per il confezionamento delle bandiere in occasione di un incontro nei campi profughi Saharawi.