Il Genoa si riaffida a Branco per rimanere tra le stelle

Alcuni storici sostengono che la storia sia ciclica. Che si ripeta. Teoria adattabilissima al mondo del calcio. Fatto di cicli che iniziano e che terminano. Più o meno lunghi. Dipende da una molteplicità di fattori. Come la storia dell'uomo sul pianeta terra. Prendiamo la sfida Genoa-Parma. Correva il 2 dicembre 1990. Sette giorni dopo la vittoria nel derby. Quello della punizione di Branco. Cartolina di Natale che ancora adesso tutti i tifosi rossoblù conservano. Era il Genoa di Bagnoli. Il Parma di Nevio Scala. A fine anno entrambe approdarono per la prima volta in Europa. I gialloblù tra l'altro erano matricole visto che arrivavano dalla serie cadetta. Risultato? 2 a 1 per il Grifone. Decisivo ancora una volta una punizione con le «tres dedos» di Branco.
Quasi quattro lustri dopo la storia si ripete. 6 dicembre 2009. Genoa-Parma. I rossoblù arrivano dall'esaltante vittoria nel derby. Gli emiliani sono quarti in classifica, ed oggi come allora, arrivano dalla Serie B. Il risultato della partita e della stagione non li conosciamo. Possiamo però auspicarci che seguendo la teoria della «ciclicità della storia» tutto possa ripetersi come diciannove anni or sono. La classifica e le prestazioni dicono così. Il calcio come però la storia sono imprevedibili. Tutto può cambiare in un attimo. In una giornata. Gasperson lo sa benissimo. A questo punto della stagione certe partite possono essere decisive per comprendere l'indirizzo del campionato. Nel 1990 la vittoria contro i Ducali, dopo la stracittadina, fece intuire la vera forza dei ragazzi di Bagnoli. Il volo di quel Genoa terminò contro la Juventus l'ultima giornata. Risultato all'inglese. Grifone quarto. La Vecchia Signora fuori dall'Europa.
Vincere contro la banda di Guidolin sarebbe importante per altrettanti motivi. Superare il Parma in classifica. Entrare in piena zona Champions League. Andare a Roma contro la Lazio, proprio come diciannove anni fa, cercando un risultato positivo. Pensando al turn-over per la madre dei match contro il Valencia in Europa. Dopo Praga in porta rientrerà Amelia, mentre in difesa giocheranno Moretti, Bocchetti e Tomovic. A centrocampo Juric e Milanetto con Rossi e Criscito sulle corsie. L'ex juventino, o il capitano, potrebbero essere dirottati in difesa ed al loro posto giocare Modesto. Se per Palacio e Floccari si deciderà poco prima della partita, affianco dell'ex Crespo ci saranno Sculli e Palladino.
Lunedì comincerà al Genoa Store e nelle ricevitorie Lottomatica la prevendita per la sfida di Europa League contro il Valencia. Ufficializzata la data e l'orario degli Ottavi di Finale di Coppa Italia. Il Genoa affronterà tra le mura amiche il Catania il 13 gennaio alle 18.30. Spostamento in casa Sampdoria per via della Coppa nazionale. Napoli-Sampdoria prevista sabato 9 gennaio, si giocherà invece domenica 10 alle 15. Capitolo mercato. Da Firenze si vocifera un derby rossoblucerchiato per l'esterno argentino Santana. Vince la Primavera contro il Livorno (2-0).