Il Genoa spera di inguaiare anche il Toro

Alessandro Ursic

Si fanno più lunghi del previsto i tempi della sentenza per il presunto illecito sportivo di Genoa-Venezia. Il verdetto, atteso per ieri, è slittato di almeno 24 ore. E non è escluso un ulteriore rinvio: ieri la Lega Calcio ha avvisato che «il comunicato non verrà divulgato prima del pomeriggio di martedì». Si attendono aggiornamenti ufficiali da oggi pomeriggio. Ma c’è anche la possibilità che i tifosi genoani rimangano sulle spine fino a domani.
Dopo la richiesta di retrocessione in C1 per il Grifone e di 4 anni di inibizione per il presidente Enrico Preziosi e di tre anni e un mese per il dg Stefano Capozucca, sulla sentenza della Commissione Disciplinare si fanno mille ipotesi. I legali della difesa lasciano capire che una richiesta di nuovi atti da parte della Commissione, allo scopo di allargare l’indagine al ruolo del Torino, è più di una speranza. Se così fosse, però, probabilmente non ci sarebbero voluti due giorni di camera di consiglio per decidere. Un’altra ipotesi è che il Genoa sia condannato per responsabilità oggettiva, cavandosela con una penalizzazione in serie B. Ma un verdetto del genere implicherebbe l’assoluzione di Preziosi e la colpevolezza di Capozucca, scenario improbabile.
Intanto il difensore della nazionale olandese André Oojier, annunciato nei giorni scorsi come nuovo pilastro del Genoa, ha lasciato il Psv Eindhoven per accasarsi in Germania, allo Schalke 04. Che sia il frutto di una decisione personale o il primo disimpegno da parte della società rossoblù, comunque non è un buon segno.