Il Genoa va a Crotone col mister «cattivo» Tre punte per tre punti

Il nervosismo Giampiero Gasperini lo sfoga quando si accorge che qualche cameramen riprende l’allenamento di rifinitura. È l’addetto stampa Dino Storace a dover correre a far spegnere tutto. Nulla contro i giornalisti genovesi spiega al termine della seduta il tecnico rossoblù, ma nessun vantaggio agli avversari in un clima teso: «Anticipo già che dopo la partita col Crotone, comunque vada, non verrò in sala stampa. A Crotone mi hanno fatto passare per traditore, ma io volevo solo interrompere quello che era stato un ciclo finito». Partita importante per il Genoa che deve riprendere la marcia in classifica dopo la sciagurata sconfitta di Cesena, appuntamento particolare per Gasperini che da ex non ha alcun rimpianto. Contano solo i tre punti, niente amarcord. Per questo l’allenatore sembra intenzionato a schierare tutti gli attaccanti di cui dispone per un unico risultato nel mirino, la vittoria: «Gasparetto l’ho visto bene, ha superato i suoi problemi, non date per scontato che giochino Botta, Di Vaio e Leon». In effetti nelle ultime partitelle Gasparetto era sempre al centro attorniato da Di Vaio, con cui Gasperini ha parlottato a lungo nella mattinata pegliese, e appunto Leon. Una sorpresa potrebbe esserci a centrocampo: «Juric penso che possa far parte della partita perché anche lui ha molte motivazioni». Dentro il croato nella bolgia dello Scida dove ritorna da ex al veleno, un fedelissimo in una domenica dai toni forti. Per il resto l’unico dubbio riguarda la difesa. Stellini è pronto a sostituire Criscito che ieri ha giocato uno spezzone della ripresa nel 3-3 tra under 21 inglese e azzurra in onore al rinnovato stadio di Wembley. Resta il fatto che al Genoa Criscito serve molto e una convocazione del genere fatta dal ct Casiraghi è di difficile comprensione considerato l’impiego molto ridotto del baby difensore rossoblù che si è fatto una maratona aerea per tornare da Gasperini che a questo punto, gioco forza, lo porterà in panchina.
Il Crotone dopo aver battuto il Napoli sogna il bis. Carboni avverte che piegare il Genoa sarà più dura. Gasperini da parte sua non si fa illusioni: «È una sfida delicata per noi e per loro. Troveremo un avversario molto determinato, ma vale anche per noi. Il Crotone non è imbattibile, proveremo a fare la nostra gara con le nostre caratteristiche». L’ultimo pensiero è ancora una volta per il presidente Preziosi: «La sua fiducia espressa pubblicamente mi ha fatto molto piacere. È stato un gesto eccezionale e ho voglia di ripagarlo subito sul campo con una buona prestazione e soprattutto con un risultato in linea con le attese».