Genoa-Venezia, la Cassazione rimette tutto in gioco

(...) nei confronti del Venezia, visto che la società granata in quello stesso turno di campionato si giocava un posto in serie A proprio in base al risultato del Genoa. L’altro fattore che avrebbe indotto la Cassazione ad un approfondimento dei fatti e a una nuova sentenza, sarebbe riferito alla circostanza per cui Luigi Gallo, allora presidente del Venezia, oltre a possedere azioni della società di cui ricopriva la carica più alta, era anche socio del Torino per il 23 per cento attraverso la «Venezia holding».
Azioni che sarebbero state girate dalla proprietà del Torino di allora a Gallo come garanzia per la copertura di una fideiussione per l’iscrizione al campionato: «Questa operazione farebbe emergere come vi fosse già un illecito nella contemporanea partecipazione di Torino e Venezia allo stesso campionato - spiega l’avvocato Mascia - visto che il regolamento vieterebbe forme di comproprietà societarie». La sentenza di appello ora annullata aveva confermato le condanne inflitte in primo grado il 27 novembre del 2008, e che consistevano in quattro mesi di reclusione (indultati) per il presidente del Genoa Enrico Preziosi, suo figlio Matteo, l’ex direttore generale dei rossoblù Stefano Capozucca, l’ex presidente del Venezia Franco dal Cin e l’ex direttore generale Pino Pagliara. Ora il processo d’appello dovrà essere rifatto, sempre a Genova: «Si sono rivelati infondati i motivi che avevamo sempre sostenuto - continua Mascia -. La valigetta con i soldi non è mai esistita ma è frutto solo di una distorsione mediatica e delle intempestive pubblicazioni di intercettazioni». Le motivazioni della sentenza saranno trasmesse tra un mese ma la soddisfazione trapela dall’ambiente societario «perché la verità sta venendo fuori» commenta Mascia.
Sul fronte squadra, invece, Robert Acquafresca ha accusato un risentimento muscolare ai flessori (stiramento). Probabile almeno due settimane di stop. Nella giornata odierna verranno effettuati gli accertamenti diagnostici. Spazio dunque a David Suazo. Se per Ivan Juric il forfeit è certo, rimangono buone speranze per rivedere Palladino tra i convocati.
Domenica arriva il Bologna, arbitrerà Damiano di Barletta. Il Cams ha vietato ai tifosi rossoblù la trasferta del 7 marzo a San Siro contro l'Inter.