Genoa-Venezia era venduta Preziosi condannato a 4 mesi

Genova. Il giudice Roberto Cacini ha condannato il presidente del Genoa Enrico Preziosi a 4 mesi di reclusione e 400 euro di multa per frode sportiva. I fatti sono relativi agli accordi intercorsi prima della partita Genoa-Venezia del campionato di serie B, stagione 2004-05, vinta dal Genoa con il risultato di 2-1. Condannati alla stessa pena anche il figlio Matteo, l'ex ds del Genoa Stefano Capozucca, gli ex dirigenti del Venezia Franco Dal Cin e Giuseppe Pagliara. I pm Giovanni Arena e Alberto Lari avevano chiesto 8 mesi di reclusione per ciascun imputato. È stato assolto, per non aver commesso il fatto, Michele Dal Cin. «È una profonda delusione - ha commentato in aula Preziosi -. sono condannato ingiustamente». La pena di Preziosi e degli altri imputati viene condonata grazie all’indulto. Gli imputati sono stati condannati anche all'interdizione dagli uffici direttivi delle società sportive per sei mesi, se la sentenza diventerà irrevocabile. Il risarcimento dei danni chiesto dalla Figc è invece da determinare in separata sede. Il presidente del Genoa ricorrerà in appello.