Genoa a Vicenza. Con De Rosa

Giovanni Porcella

In un campionato di serie B che non sa ancora con esattezza quando giocherà, di sicuro c’è che il Genoa comincerà fuori casa col Vicenza. Un avvio che il presidente Enrico Preziosi giudica così: «Non ci è toccato un avversario come Juventus o Napoli, ma si tratta di una squadra comunque temibile soprattutto sul proprio campo. Sarà già un test interessante, nel senso che potremo saggiare il nostro valore». E alla seconda partita ecco il Rimini al Ferraris. Parla anche l’allenatore Giampiero Gasperini: «Partiamo su un campo insidioso, dunque con qualche rischio, mentre alla seconda il Rimini è una formazione temibile perché si è rinforzata molto». Lo Spezia invece ricomincia dopo 55 anni dalla B al Picco col Cesena e poi viaggerà a Bologna. Per i dirigenti bianconeri nessun commento particolare anche se il presidente Ruggieri aveva chiesto di iniziare fuori casa per un preciso motivo: «Il nostro stadio ha bisogno di migliorie e quindi una settimana in più ci avrebbe fatto comodo, ma ormai i lavori sono ultimati e quindi dovremo presentarci ai nostri tifosi, in casa nostra al Picco». Sorteggi dei calendari a parte, il presidente Preziosi che ha vissuto una giornata frenetica («Ma sull’iscrizione sul registro degli indagati di Carraro e Ghirelli per la vicenda della nostra retrocessione in C non voglio dire nulla. Provo tanta rabbia per quello che ci hanno fatto») parla anche del mercato con l’annuncio praticamente ufficiale dell’acquisto del difensore Gaetano De Rosa: «Fra poco firmerà. Si tratta di un giocatore importante che mette a posto le cose in difesa. E tra l’altro abbiamo nel mirino anche Angelo Siniscalchi della Salernitana».
Due arrivi pesanti come chiedeva il tecnico Gasperini per una difesa che proprio per le prime tre giornate del campionato non potrà contare su Bega che si è infortunato piuttosto seriamente procurandosi una lesione muscolare al retto femorale gamba destra. De Rosa praticamente chiuso l’affare, per Siniscalchi si tratta ma con la determinazione di Preziosi di chiudere il discorso: «Penso solo a fare un grande Genoa per arrivare in serie A, la categoria che ho promesso ai tifosi». E i tifosi stanno contraccambiando: ieri boom di abbonamenti con 135 tessera staccate. In tutto sono 14.000 e non è finita.