GENOA VOLENTEROSO MA SFORTUNATO

Luca Russo

Un tempo a testa, ma quello che conta è dell'Empoli. In un Castellani lunare, quasi deserto, figlio di una Coppa Italia da rivedere, è la squadra dell'ex Gigi Cagni ad imporsi grazie alla rete di Iacoponi allo scadere dei primi 45 minuti. Nella ripresa più Genoa, complici i cambi, maggiore spinta, ma poche conclusioni. E ora al ritorno, il 6 dicembre al Ferraris, servirà una vittoria per passare gli ottavi di finale. Rubinho 6 Bravo a respingere una conclusione ravvicinata di Pozzi. Incolpevole sul gol quando la difesa si spalanca. P.Lopez 6 I pericoli nascono soprattutto dalla sua parte. Gasparetto è un brutto cliente e ci mette poco a scoprirlo. Nel finale impegna il portiere dell'Empoli in una paratona, Biasi 5.5 Incerto quando subisce la pressione offensiva dell'Empoli di Coppa e sul gol. Stellini 6 E' il capitano della barca, ma il timone traballa. Botta 6.5 Parte determinato, lavora spesso in copertura e così sulla destra viene meno la solita spinta anche se la prima conclusione è la sua. Nella ripresa cresce. Coppola 6 Sembra avvertire la mancanza del suo solito partner Milanetto lasciato in panchina in vista del campionato. (Dal 1'st Fabiano 6.5 Con il suo ingresso il Genoa diventa più imprevedibile). Longo 5.5 Volenteroso, ma spesso in ritardo. Ci prova con la bomba dalla distanza su calcio di punizione che supera la barriera, ma si infrange sulla caviglia di Marzoratti. Juric 6.5 E' una delle note positive della serata copre e spinge. Sembra essere tornato quel giocatore che Gasperini portava in palmo di mano a Crotone. Zeytulaev 4.5 Ha la grande chance di mettersi in mostra, ma la getta via. Elias sembra un corpo estraneo e anche nel secondo tempo quando ha più spazio non ne approfitta. (Dal 25' st Forestieri 6 Si presenta con un tiro dalla distanza). Greco 6 Lotta anche se a volte si innamora un po' troppo del pallone cercando improbabili conclusioni e colpi di tacco. Esce in vista di sabato (dal 2'st Borghese 6.5 Con il suo ingresso la difesa rossoblù cambia fisionomia diventando a 4. Sfiora il gol di testa sugli sviluppi di una punizione) Tavares 6 Inizialmente appare spaesato per una posizione che non è la sua. Rispetto a Brescia gioca infatti a sinistra poi con l'uscita di Greco si accentra. Gasperini 6 Il suo turn over è obbligato. Dopo i cambi il Genoa gira meglio. Romeo 6 Nella ripresa scopre i cartellini, nel Genoa ammonisce Stellini, spezzando il gioco.