Genova, disoccupato massacrato a cinghiate Arrestati quattro minorenni sudamericani

Quattro minorenni
sudamericani hanno aggredito un disoccupato di circa 40 anni. Il fatto è accaduto ieri sera nel centro
della città, ai giardini Cavaglia, a pochi metri dalla stazione ferroviaria di Brignole. L'uomo è in rianimazione all'ospedale

Genova - Un disoccupato italiano che si era fermato a
riposare su una panchina è stato ridotto in fin di vita a colpi di cinghia ieri sera nel centro di Genova da quattro minorenni sudamericani che sono stati arrestati dalla polizia. L’aggressione è scattata forse per gioco o per uno sgarbo, una parola di troppo. Sarebbe questa la ragione per la quale i quattro minorenni sudamericani avrebbero aggredito l'uomo di circa 40 anni, forse scambiandolo per un barbone. Il fatto è accaduto ieri sera nel centro della città, ai giardini Cavaglia, a pochi metri dalla stazione ferroviaria di Brignole. La vittima è stata ripetutamente colpita alla testa provocandole un gravissimo ematoma cerebrale. Soccorso, l’uomo è stato portato all’ospedale Galliera, dove è ricoverato nel reparto di rianimazione. La polizia ha individuato e fermato in breve tempo gli aggressori, sono quattro sudamericani di età compresa tra i sedici e i diciassette anni. L’accusa loro contestata è tentativo di omicidio.