Genova e la Liguria aprono le porte ad arte e cultura

«Per due giorni lasciamo le porte aperte». Alla cultura, all’arte, all’archeologia, alla musica, alla scienza, all’architettura, alla scienza. Di Genova, senza dubbio e della Liguria intera. Ed ecco che per le giornate europee del Patrimonio, la Superba e tutto il territorio spalancano i portoni dei suoi tesori al pubblico. Ingressi gratuiti a musei, iniziative e in tutti i luoghi statali della cultura. Il tutto per invogliare i giovani, e non solo, a vedere i luoghi d’arte della nostra regione.
Iniziamo dalla Lanterna, appunto. Sabato 24 dalle 10 alle 13, Archivio di Stato, via di Santa Chiara. Nel 150esimo anniversario dell’Unità d’Italia, verrà allestita una mostra per rendere omaggio a chi ha dedicato la propria vita a fare l’Italia unita con gli scritti di Mazzini, Garibaldi e delle donne del Risorgimento. Premier della mostra, domani alle 17.
Palazzo Reale, sabato alle 16.30, appuntamento con la musica con un film dedicato a Bach e all’arte della fuga. Sempre Palazzo reale, ma lunedì 26 alle 9 si svolgerà una giornata di studi sulla cappella del Crocifisso, nella chiesa carmelitana dei Ss. Vittore e Carlo in via Balbi con interventi di studiosi specializzati sui manufatti scultorei.
Villa del Principe invece per le giornate del Patrimonio aprirà al pubblico la grotta Doria, giardino manufatto cinquecentesco che rappresenta l’ultima traccia superstite dell’imponente giardino settentrionale della dimora.
Sabato alle 10, presentazione del restauro della lunetta dipinta sul portale della Chiesa di Santa Maria del Prato. Ancora sabato, ma questa volta a Palazzo Spinola che in collaborazione con il Conservatorio Niccolò Paganini e il Carlo Felice con un’intera giornata di studi (a cura di Carlo Capra) in onore del maestro Pietro Abbà Cornaglia con una tavola rotonda e concerto alle 16. Mentre domenica alle 17 sempre a Palazzo Spinola un incontro(concerto e letture) su «Sospiri, capricci e baci. Il mutar dei sentimenti nella musica da camera europea tra ’700 e ’900».
Lunedì e martedì invece alla Biblioteca Universitaria di Genova, ci saranno le letture dai carteggi risorgimentali con gli studenti del liceo D’Oria e Gobetti e domenica la presentazione del libro «Cavour. Biografia privata di un politico spregiudicato», di Piero Ottone. Ma le giornate europee del Patrimonio coinvolgono tutta la regione e così nel territorio di Albenga, domenica verrà inaugurata la mostra «Archeologia dal cielo», un percorso per vedere i luoghi archeologici da un punto di vista diverso attraverso le immagini scattate durante i voli dei carabinieri del Nucleo tutela patrimonio artistico sul territorio.
A Mortola (Ventimiglia) sabato si terrà una giornata di studi sugli spunti di ricerca emersi dal lavoro sulle fonti Hanbury presentati nel 2007 con la presentazione del libro «La Mortola e Thomas Hanbury» fatta da Charles Quest-Riston esperto internazionale di giardini, autore di numerose pubblicazioni e collaboratore della Royal Horticultural Society.