Genova come New York: pacchi e posta saranno recapitati a impatto zero

Una pedalata da La Spezia a Ventimiglia per lanciare un progetto nuovissimo a Genova: l’Eco bike courier. Dal 9 settembre Ivan Azzaro e il suo braccio destro Francesco Veneziano sono partiti in un coast to coast tra le riviere liguri per promuovere il loro nuovo progetto che da ottobre diventerà operativo in tutta Genova. Di cosa si tratta e chi c’è dietro a questa iniziativa? L’Eco bike courier (Ebc) è un servizio di recapito a impatto zero, poiché svolto da elettrocorrieri in sella a biciclette a pedalata assistita.
Tale idea a Genova è innovativa e rivoluzionaria, ma in verità in città come New York, Tokio, Berlino, Londra, Parigi ed Amsterdam sono decenni che funziona con ottimi risultati. Il merito dell’importazione dei «bike messengers» anche a Genova, va ad un ragazzo di 29 anni, Ivan Azzaro, che a partire dallo scorso febbraio ha iniziato a bussare mille porte in città alla ricerca di uno sponsor disponibile a finanziare il suo progetto. Le risposte sono state le più prevedibili: «bella idea, ma non possiamo». E poi ci si lamenta che i giovani non hanno idee. Fortunatamente, dopo mesi e mesi di ricerca, Azzaro ha trovato un appoggio in Walter Pilloni, l’imprenditore genovese numero uno in Italia per i veicoli elettrici grazie al suo progetto Ecomission, con sede a Sestri Ponente.
«Pilloni ha subito sposato il progetto degli elettrocorrieri a Genova e ha dato il suo contributo sponsorizzando l’iniziativa e donando due biciclette (del valore commerciale di 1.100 euro cadauna, ndr) a pedalata assistita, fondamentali per poter girare tra i sali e scendi della nostra città - ha raccontato Ivan Azzaro -. La sede della società sarà nel centro storico e per aprire il locale è stato di grande aiuto l’incubatore d’imprese del Comune».
Il nuovo servizio, che da ottobre diventerà operativo con copertura dell’intera rete cittadina, si rivolge a tutte le categorie alle quali può essere utile l’utilizzo di un corriere, dai professionisti come avvocati e commercialisti, agli spedizionieri legati al marittimo, passando per aziende, enti pubblici e privati. La squadra di corrieri al momento è composta da due persone, Ivan Azzaro e il suo compagno Francesco Veneziano (28 anni), sommando le età di entrambi non si arriva nemmeno a 60 anni. «Siamo il futuro e forniamo un servizio a impatto zero fondamentale per coprire zone come il centro storico e le aree portuali - ha spiegato Azzaro -. Io e il mio compagno Francesco, che ha studiato design a Milano, abbiamo abbandonato i nostri impegni perché crediamo fermamente a questo progetto. E non vediamo l’ora di iniziare a pedalare».