A Genova le nuove frontiere nella terapia dei linfomi

I linfomi, cioè i tumori che si originano dai linfociti, i principali componenti del sistema immunitario, sono in rapido aumento nel mondo, e si avviano a diventare quelli più frequenti nell’uomo. Il dato è emerso dal meeting in corso a Genova che vede qui riuniti per la prima volta oltre 250 tra i maggiori esperti di ematologia del nostro Paese per fare il punto sulle novità della ricerca e della terapia. Secondo i dati presentati attualmente a preoccupare di più è il Linfoma Non-Hodgkin, attualmente al quarto posto tra tutti i tumori, con 12.000 nuovi casi ogni anno solo in Italia, che tra vent’anni salirà sul gradino più alto del podio. Durante il congresso sono state presentate anche le ultime novità in fatto di terapie, in particolare quelle con i cosiddetti farmaci biologici che stanno dando risultati interessanti. «Con un trattamento a base di un anticorpo monoclonale e chemioterapia si è avuto, rispetto alla sola chemioterapia, un aumento della risposta completa nel paziente», sottolinea Pier Luigi Zinzani. ematologo dell’Università di Bologna. Anche l’altra grande categoria di linfomi, quelli di Hodgkin, ha ottenuto importanti risultati grazie ai progressi della ricerca.