Genova presidiata da polizia e carabinieri

(...) un'isola pedonale. Ma, chiudendo il centro alle auto, si vogliono soprattutto evitare gli incresciosi episodi vandalici dell'altra sera, quando alcuni teppisti presero a calci e pugni le macchine dei genovesi che scendevano giù da via Venti Settembre, malmenando vigili e poliziotti. Domani non sarà possibile. Ma c'è di più: «Abbiamo deciso, nell'auspicale ipotesi di una vittoria azzurra, di aumentare la disponibilità di forze in campo, dal centro a Cornigliano. Ci sarà il reparto inquadrato e quello della mobile. Il nostro sarà un presidio soffice, ma efficace. Saremo presenti sul territorio in modo adeguato», promette Giuseppe Romano. Che aggiunge: «Si può gioire in tanti modi, l'ultimo dei quali è quello di lasciarsi andare a episodi di vandalismo, che ovviamente non tollereremo».
Non solo Genova, però. La prefettura ha disposto anche di pianificare un coordinamento di forze dell'ordine a Chiavari e Rapallo. Mentre un contingente tra i 250 e i 300 uomini presidierà la provincia di Imperia, in occasione della finale di Coppa del Mondo. Il rischio è proprio quello che al termine della gara possano scoppiare tafferugli tra bande di «tifosi» a cavallo tra l'Italia e la Francia. Quindi i servizi d'ordine interesseranno soprattutto il confine italo-francese di Ventimiglia. All'attività di vigililanza del territorio prenderà parte anche la polizia scientifica con l'ausilio di video telecamere. Tornando al capoluogo ligure, resta in vigore a partire dalle 20 (cioè dall'inizio della gara) il divieto di vendere bevande alcoliche in bottiglie di vetro nell'area del centro storico. E un'attenzione particolare verrà riservata anche ai venditori ambulanti, intorno a piazza Matteotti, dove è prevista l'installazione di un maxischermo da 24 metri quadrati, interamente pagato dagli sponsor Amga e Coop Liguria. L'impianto è fornito da Duemilagrandieventi: «Abbiamo scelto un monitor in grado di trasmettere immagini nitide anche con la luce del giorno - spiega l'assessore allo Sport Giorgio Guerello - la partita potrà essere seguita da circa 10 mila persone in un raggio di distanza da 10 a 150 metri dallo schermo». Il resto dovranno farlo gli azzurri (in campo) e i genovesi (sulle strade). Insomma, che sia una festa e basta.