Genova riscopre il suo Cristoforo

(...) Scajola ha proposto, ha mediato e infine, è il caso di dire, la nave è andata in porto. È così che ieri mattina, nella sala della giunta nuova di Palazzo Tursi, l’assessore Anna Castellano ha annunciato la buona novella insieme all’avvocato Mario Falciatore, segretario generale del Comitato nazionale celebrazioni Cristoforo Colombo, e alla professoressa Liliana Pittarello, direttrice regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Liguria. Presenti anche il comandante Bruno Aloi, presidente del Comitato Nazionale per Colombo e fautore di diverse manifestazioni colombiane; la dottoressa Farida Simonetti, direttrice della Galleria Spinola della Provincia di Genova, e la professoressa Gabriella Airaldi, una delle maggiori studiose a livello accademico di Colombo in Italia.
Tra i relatori anche l’attore Alessandro Preziosi, protagonista del musical «Datemi tre caravelle», di Carmelo Pennisi e Massimiliano Durante, in scena al Politeama Genovese.
L’assessore Castellano, dopo i ringraziamenti di rito, ha puntato sull’importanza del messaggio di Colombo. «Così come Colombo ha messo in contatto mondi diversi - ha detto - anche noi desideriamo portare il messaggio dei giorni di Colombo a pubblici diversi, per esempio ai giovani».
Quando la palla è andata ad Alessandro Preziosi, si è passati dalla presentazione all’intrattenimento. «Questa tavola realizza il sogno di un qualunque attore - ha esordito l’artista napoletano - così come è stato un sogno fare uno spettacolo come “Datemi tre caravelle”. Personalmente mi auguro di poterlo portare in giro per il mondo, come in America e in Australia». Infatti, come ha spiegato Falciatore, il Comitato nazionale si sta dando da fare per poter presentare lo spettacolo a New York, fondi permettendo.
Dopo aver espresso i saluti del ministro Scajola, trattenuto a Roma da impegni di governo, l’avvocato ha quindi illustrato l’intenso programma colombiano avvertendo che comunque sarà soltanto un anticipo rispetto alle manifestazioni colombiane che si svolgeranno nel 2006 in occasione dei 500 anni dalla sua morte avvenuta il 20 maggio del 1506 a Valladolid. Ed è sempre stato Falciatore ad annunciare che sabato prossimo lo spazio antistante il Museo del mare verrà intitolato alla memoria di Paolo Emilio Taviani, un uomo la cui dimensione politica, accademica e storica ne fa uno dei più illustri genovesi degli anni moderni.
La professoressa Pittarello, infine, ha ricordato che nel corso delle manifestazioni si svolgerà anche una mostra su «Cristoforo Colombo nella Genova del Seicento» con gli eccezionali argenti del doge Agostino Pallavicino.
Le manifestazioni avranno il loro culmine mercoledì 12 ottobre, anniversario della scoperta dell’America nel 1492, quando si svolgerà la tradizionale cerimonia a Palazzo Ducale, con la consegna di alcuni premi. Ad esempio, spiega l’avvocato Falciatore, è stato lanciato un concorso per tutti gli studenti genovesi del terzo anno delle superiori per una sceneggiatura teatrale sul tema «Sognando Colombo».
La sera di giovedì 13, infine, il ministro Scajola parteciperà alla rappresentazione di «Datemi tre caravelle» al Politeama e ad altri momenti commemorativi che seguiranno.