Da Genova a Roma in meno di 4 ore a partire da 54 euro

Cinquantaquattro euro in seconda classe e 79 in prima. Da Genova a Roma, sola andata in 3 ore e 59 minuti, dal prossimo 14 dicembre. Comincia così, anche per Genova, l’era dell’alta velocità. Che magari non sarà come per Milano e Roma che si raggiungono - tra loro con il Frecciarossa - in 3 ore e mezza, ma significa pur sempre avere una possibilità di spostamento che tenga conto dei tempi ridotti in cui dobbiamo vivere. Secondo l’amministratore delegato di Ferrovie dello Stato, Mauro Moretti, che ieri, nella capitale, ha presentato il «pacchetto alta velocità», si tratta di «una rivoluzione destinata a cambiare il modo di viaggiare degli italiani», e che nel giro di pochi mesi «sottrarrà il 60 per cento dei viaggiatori all’aereo». Secondo Moretti la sfida vincente di Ferrovie, a partire dal costo del biglietto, sarà anche quella con l’automobile che da Genova a Roma, anche in condizioni di traffico non particolarmente congestionato, non è inferiore alle quattro ore e mezza o cinque. L’Eurostar velocizzato che riduce di un’ora il tempo standard di viaggio tra Genova e Roma, parte alle 6 del mattino da Brignole e arriva alle 9.59 a Roma Termini. Ritorno alle 18 da Termini a arrivo alle 21.59 a Genova.
A bordo sarà curato il servizio di accoglienza e attenzione sarà dedicata all’informazione verso i viaggiatori. Inoltre un pulitore viaggiante assicurerà servizi igienici sempre in ordine. Il che, di questi tempi, non è poco. L’acquisto del biglietto potrà avvenire dal proprio cellulare, tutti coloro che preferiscono utilizzare il call center 892021 avranno un’opzione dedicata al servizio Alta Velocità (tasto 5) oppure, su Internet nel sito www.ferroviedellostato.it, troveranno una pagina speciale con informazioni sull’orario e l’acquisto facile e rapido del biglietto. Inoltre per chi si sposta quotidianamente sulla stessa tratta con treni Alta velocità, Eurostare e Eurostar City è stato introdotto un nuovo specifico abbonamento il cui costo è pari a quello di 10 corse semplici sulla stessa tratta: in sostanza per chi si muove per lavoro e compie tra i 20 e i 23 viaggi mensili andata e ritorno risparmia addirittura il 75 per cento rispetto a prima. «Per noi alta velocità significa anche flessibilità - ha aggiunto Moretti - con prezzi e offerte che saranno modulate anche in base all’effettiva domanda dei clienti. Già nei prossimi giorni i biglietti per tutti i nuovi treni saranno acquistabili oltre che secondo i normali canali di vendita anche su Internet con sconti del 5 per cento sul prezzo della biglietteria.