A Genova splenderà la luce di Olimpia

Erika Falone

Passerà da Genova la fiamma olimpica, diretta a Torino per inaugurare le Olimpiadi del 2006. Per questa occasione, da sabato 10 a domenica 18 dicembre palazzo San Giorgio e l'area Porto Antico si trasformeranno in una piccola Olimpia. Sì, perché grazie all'esposizione internazionale «Olimpicexpo 2005», si potranno ammirare in quei giorni alcuni cimeli della storia culturale e sportiva delle olimpiadi. Pezzo forte: la collezione delle fiaccole utilizzate in ogni edizione dei giochi. Lo spettatore sarà catapultato nel mondo dello sport passando proprio sotto due fiaccole accese all'ingresso della manifestazione, per poter poi visitare le aree della mostra dedicate sia ai Giochi estivi sia a quelli invernali. Due le manifestazioni collaterali: il settimo convegno internazionale «Sport & etica» e un incontro ludico sportivo per ragazzi, naturalmente, a tema olimpico.
Ma se Genova solo da dicembre sarà ancora più vicina allo spirito dei «5 cerchi», non ha invece perso tempo Cogoleto. Che questa sera sarà ufficialmente gemellata con la città greca di Olimpia. Uno scambio fra civiltà, culture ed esperienze diverse che può rappresentare un momento di crescita per tutta la comunità. Il primo atto del gemellaggio si è svolto ieri mattina alla Provincia di Genova, mentre nel pomeriggio l'appuntamento per la delegazione della città ellenica era a Palazzo Tursi.
«Nell'epoca della globalizzazione - ha detto il vicesindaco di Genova, all'incontro con il sindaco di Olimpia, Ioannis Skoularikis - si fa sempre più importante approfondire la conoscenza reciproca fra i popoli. Per imparare a rispettarci e vivere meglio insieme».
La cerimonia ufficiale di gemellaggio avrà luogo questa sera alle 19.30 nel palazzo del Comune di Cogoleto. Per l'occasione saranno esposte tre fiaccole storiche: la prima, del 1936, fu quella che porto la fiamma olimpica ai Giochi di Berlino del 1936.
La seconda è quella che nel 1968 attraversò Genova diretta alle Olimpiadi del Mexico mentre l'ultima, la più «giovane», è quella di Atene 2004. «Abbiamo sempre ritenuto importante - ha commentato il sindaco di Cogoleto, Attilio Zanetti - un corretto approccio alle discipline sportive».

Annunci

Altri articoli