A Genova tre giorni di ingorgo istituzionale

Genova caput mundi, per una volta. In una sorta di ingorgo istituzionale, la città segna le presenze di tre «vips» in tre giorni. Ha anticipato tutti il presidente della Camera Fausto Bertinotti, che mercoledì ha fatto un bagno di bei tempi andati fra i pugni chiusi dei camalli e l’abbraccio di Paride Batini il console della Culmv.
Oggi tocca ad altri due «pezzi da novanta», o su di lì insomma. Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano per esempio arriva di un anno più vecchio: ieri ha compiuto 81 anni, oggi sarà in visita nel capoluogo ligure. Il capo dello Stato sarà alle 10 in Prefettura, dove incontrerà fra l’altro l’arcivescovo Tarcisio Bertone, alle 11 visiterà il Museo del Risorgimento presso la casa di Mazzini in via Lomellini e subito dopo, alle 11.30, andrà a palazzo Ducale. Dopo un pranzo privato a palazzo Spinola, il presidente sarà alle 16.30 al Museo del Mare e alle 17.30 a palazzo San Giorgio per la cerimonia conclusiva della mostra «La rinascita del Parlamento: dalla Liberazione alla Costituzione», organizzata per il 60° anniversario dell’Assemblea Costituente. Sulla via del ritorno, prima di tornare al Quirinale dove seguirà la partita dell’Italia ai Mondiali, Napolitano farà anche un giro del porto per poi sbarcare alla Marina Genova Aeroporto: la speranza dei gestori è potergli illustrare il nuovo progetto di riqualificazione della zona antistante Sestri Ponente.
E oggi giornata genovese anche per l’ex presidente del Senato Marcello Pera. Il programma prevede alle 16.30 una visita al Museo del Mare, dove il senatore sarà accolto dall’ex ministro di Forza Italia Claudio Scajola, nella sua qualità di presidente del comitato nazionale Cristoforo Colombo. Alle 17.30 l’ex presidente di palazzo Madama sarà ospite di Forza Italia per una conferenza stampa con il coordinatore cittadino Roberto Cassinelli. Alle 18.30 invece Pera sarà allo Starhotel President di Corte Lambruschini per una conversazione con il cardinale Bertone, sul tema «La famiglia del terzo millennio».
L’evento, aperto a tutti e moderato dal professor Cristiano Ciappei, presidente della Fondazione Rui, è organizzato dall’associazione culturale «Iniziativa per la libertà, il lavoro, la solidarietà», con lo scopo di approfondire e discutere uno dei temi cruciali per il futuro della nostra società: «Con questo evento - spiega una nota dell’associazione -, prosegue il ciclo di incontri dedicato ai diversi temi della società italiana contemporanea quali impresa e risparmio, etica, economia, mondo del bisogno». Oggi il dibattito sarà incentrato sulla famiglia, con una riflessione che vuol prescindere dalle posizioni religiose o laiche.
L’incontro è stato anticipato dalle 20.30 alle 18.30 per consentire ai presenti di assistere, terminata la conferenza, a Italia-Ucraina, che sarà trasmessa su un maxischermo appositamente allestito nella sala del convegno.