Genova, tutti gli autovelox ritoccati per fare più multe

Il limite di tolleranza sull’eccesso di velocità è stato abbassato dopo che è sceso il numero dei verbali

(...) sono diventati molto più disciplinati. Il risultato? Prendono meno multe e il Comune, di conseguenza, «guadagna» meno. Dev’essere per questo motivo che dalle parti di Tursi hanno studiato un sistema ottimo per far quadrare di nuovo il bilancio: hanno dato un’aggiustatina agli autovelox che (per carità, nel pieno rispetto della legge, diciamolo subito) sono stati abbassati in maniera sensibile.
Così accade che, mentre da sei, sette anni a questa parte chi percorreva la Sopraelevata - dove il limite massimo di velocità è di 60 chilometri all’ora - veniva colto in fallo per eccesso di velocità soltanto se il contachilometri arrivava a 85 all’ora, adesso la situazione è drasticamente cambiata. Infatti per prendersi una multa salata basta andare a 68 chilometri, soltanto otto in più del limite. Tutto legale, si può obiettare. Infatti la legge prevede che la tolleranza dell’autovelox sia di 5 chilometri ogni cento, quindi se il limite è di 120 all’ora la tolleranza base è di sette chilometri. È vero. Inoltre per legge chi guida deve essere informato che in quel momento, sulla strada che sta percorrendo si sta facendo una rilevazione dell’eccesso di velocità. Tuttavia resta il fatto che l’automobilista tipo che - quasi come avesse il pilota automatico - va poco oltre il limite adesso corre forti rischi, e non può più contare su quella tolleranza più generosa a cui, magari inconsapevolmente, si era abituato.
L’introito che gli automobilisti genovesi hanno garantito nel corso degli anni al Comune con le loro contravvenzioni è stato sempre alto: basti pensare che in una normale giornata di controlli in corso Europa o in via Adamoli, due delle altre zone dove sono posizionati gli autovelox, venivano elevati dagli 80 ai 90 verbali per eccesso di velocità e una quindicina di patenti venivano ritirate. Ma si sa, tutti, anche i più spericolati, prima o poi, a forza di pagare, ci pensano due volte a fare le gare di velocità in centro e così negli ultimi mesi il numero delle multe era sceso e di molto. Di qui la scelta di un ritocchino. Quindi automobilisti avvertiti: andate nei limiti, senza sconti.