«Amt verso la liquidazione», parola di Doria

La liquidazione di Amt è dietro l'angolo. A confermarlo è stato il sindaco di Genova Marco Doria che ieri si è espresso sulla situazione dell'azienda di trasporto pubblico cittadino con un video su Youtube spiegando che «Amt nel 2012 presenta dei conti che peggiorano di mese in mese - ha affermato - e che potrebbero portare alla fine dell'anno a una situazione che non è esagerato definire di liquidazione dell'azienda, è proprio quello che il Comune deve evitare ed è quello per cui mi sto impegnando». Il primo atto della sua giunta sarà discusso proprio oggi in consiglio comunale. Si tratta di una delibera che detta linee d'indirizzo per studiare i futuri assetti dell'azienda, documento che Doria definisce «importante» ma che, se analizzato, non sembra fornire soluzioni convincenti ai problemi di Amt. Il Comune si impegna ad agire su tre linee d'indirizzo fondamentali: ridurre costi di produzione e costo del lavoro, inserire o modificare l'attuale assetto delle corsie gialle, cercare un socio privato che possa entrare in società e investire sul rilancio del trasporto pubblico.
«Ad Amt servono investimenti consistenti nei prossimi anni, come l'acquisto dei nuovi treni per la metropolitana genovese e di nuovi bus per il rinnovo del parco mezzi - ha sottolineato Doria -. L'azienda ha bisogno di investimenti fortissimi che il Comune di Genova da solo non è in grado di garantire, il Comune deve impegnarsi nella ricerca di un partner industriale da coinvolgere nella gestione dell'azienda e a cui cedere un pacchetto significativo d'azioni, una gara pubblica per mantenere Amt protagonista del Tpl a Genova».
Tuttavia l'unico passo concreto che si nota in delibera sono le variazioni sulle corsie gialle di via Invera, via Cadorna e via Bobbio, la revisione della sosta dei bus in via don Giovanni Verità a Voltri, la risistemazione dei nodi di interscambio in via Canevari e della linea 47 a Quezzi. Intanto, oggi ci saranno prove per l'allargamento della maggioranza all'Udc che ha annunciato il proprio voto a sostegno della giunta Doria.