Anziano precipita e muore per cogliere nespole

Gli è stata fatale la passione per quelle turgide, invitanti nespole che facevano bella mostra sull'albero, proprio di fronte a casa. È morto per questo, Tonino Safioti, 81 anni, pensionato di origine calabrese, un fisico ancora gagliardo e tanta voglia di vivere, che abitava a Marassi con la moglie. E proprio alla moglie aveva promesso un bel cesto di frutti, nella mattinata di ieri che, in pieno sole dopo il maltempo dei mesi scorsi, aveva tutte le caratteristiche per spingere all'aperto, a godere finalmente dell'estate.
Tonino, così, è salito su un muraglione che gli avrebbe consentito di raggiungere i rami più alti, dove c'erano le nespole più grosse e mature. Non s'è preoccupato del rischio dovuto alla precarietà della struttura che, pur imponente, ha una sezione piuttosto limitata e non permette certo, a chiunque, un comodo accesso. E soprattutto, la sommità di quel maledetto muraglione, è alta quattro metri da terra.
La moglie ha seguito Tonino con lo sguardo dalla finestra di casa, mentre lui saliva con una certa agilità sul muro e cercava di inarcarsi verso l'albero. A quel punto l'uomo ha perso l'equilibrio ed è precipitato al suolo. Il decesso è avvenuto sul colpo, e i soccorsi sono risultati inutili.