La Asl dà le sedie agli anziani «patentati»

Solo qualche giorno fa avevamo segnalato il disagio degli anziani ultraottantenni che devono recarsi a Quarto, nella sede all'ex ospedale psichiatrico, per sottoporsi alle visite per il rinnovo annuale della patente di guida. Lunghe attese in piedi, nei corridoi, senza la possibilità di sedersi, rendono questa trafila piuttosto faticosa anche per chi è in gamba e guida ancora. Ed ecco che, dopo la denuncia del Giornale, arriva la risposta della Asl 3 genovese che annuncia «Circa la quantità di sedie presenti, l'Azienda ne collocherà alcune anche nei corridoi attigui alla sala di attesa, stante la dimensione ridotta della stessa». I responsabili della Asl ammettono che «la permanenza nella sala d'attesa, se più lunga del previsto, può risultare non gradevole. Tuttavia non è sempre preventivabile il tempo di durata della visita, perché taluni casi richiedono un'analisi ancor più accurata delle condizioni psico-fisiche. E questo, va detto, va a vantaggio dell'utenza». Inoltre «la Commissione Medica Locale Patenti di guida effettua visite di natura più svariata: la conferma di validità di patente per soggetti affetti da patologie, revisioni disposte dalla Motorizzazione o dalla Prefettura. Si ritiene doveroso specificare che i soggetti ultraottantenni, qualora non affetti da patologie, non sono obbligati alla visita presso la commissione, ma possono effettuare il rinnovo presso qualsiasi struttura autorizzata».
Infine «la sede di Quarto ha un accesso agevole e consono al tipo di prestazione, se si considera che vengono visitati anche molti utenti con minorazioni agli arti e patologie neurologiche, che effettuano spostamenti su sedia a rotelle o con estrema difficoltà, si tratta dunque di un luogo facilmente raggiungibile con l'auto e senza alcuna barriera». Insomma, la Asl non ci sta a sentir definire la sala di attesa di Quarto «da terzo mondo», come segnalato dai nostri lettori. Ma è questione di percezione: e con qualche sedia in più la situazione migliorerà.