Bogliasco: tornano i tuffi sicuri anche a Pontetto e Sottochiesa

Le acque di Bogliasco sono nuovamente balneabili, e «l'emergenza dello scorso aprile» riguardo l'inquinamento della foce del Rio Poggio «è rientrata, come certifica l'Arpal». Lo ha annunciato l'assessore del comune del Levante, Anna Maria Crovetto, nel corso del consiglio comunale di giovedì. È stata l'opposizione, con una interrogazione del consigliere Serafino Fracas, a chiedere conto alla Giunta della situazione del mare, dopo l'allarme emerso in primavera quando Bogliasco era finita tra gli otto luoghi segnati in rosso dall'Agenzia regionale per l'ambiente, per l'eccessiva concentrazione di batteri in acqua.
«Secondo l'ultima misurazione eseguita a maggio - ha spiegato l'assessore - la concentrazione di enterococco intestinale ed escherichia coli, i due batteri monitorati da Arpal nelle acque della Liguria, sono ben al di sotto del limite di sicurezza, in percentuali bassissime». La proposta dell'opposizione di pubblicare d'ora in avanti i risultati delle misurazioni Arpal sulla bacheca comunale, per informare tempestivamente sullo stato del mare i cittadini è stata accolta dalla Giunta. L'Arpal ha confermato l'eccellente condizione di balneabilità anche alle altre due porzioni di costiera di Bogliasco: quella di Pontetto e quella di Sottochiesa.
Nella stessa seduta del consiglio, è stata discussa un'altra interrogazione sempre a firma di Fracas sulla realizzazione di un ascensore che da largo Skrijabin (davanti alla stazione) porti alla sala comunale Bozzo. Un'opera «che in molti chiedono, perché permetterebbe ad anziani e disabili di assistere agli spettacoli e agli eventi», ma che non è mai stata messa in cantiere. «I soldi ci sarebbero - ha risposto il sindaco Luca Pastorino, deputato Pd - ma il patto di stabilità non ci permette di spenderli. Speriamo che questo vincolo sia eliminato per i comuni sotto i 5mila abitanti».
In apertura di seduta, il Comune ha deliberato sulle scadenze per il pagamento della Tares, la nuova tassa sui rifuti: Bogliaso ha scelto di dividere il pagamento in tre rate, con scadenze il 31 luglio, il 30 settembre e il 31 dicembre per l'eventuale conguaglio. Rinnovata, infine, la convenzione con i Comuni di Pieve Ligure e Sori per la gestione delle mense scolastiche, con la conferma dei tre rispettivi centri per la cottura in loco dei cibi da destinare ai bambini.