Città a pezzi: nuova frana ad Albaro

L'unica notizia positiva è che nessuna persona fisica è rimasta ferita. I danni più ingenti li ha subiti invece un supermercato lì sotto. Lì s'intende in via Dassori, ad Albaro dove ieri c'è stato un nuovo crollo di un muro dopo quello di mercoledì scorso, quando è venuta giù una porzione di un muraglione e marcipiede nella stessa strada che collega via Francesco Pozzo a corso Gastaldi. Sempre colpa della pioggia che da ieri mattina ha sommerso a tratti la città con un'intensità notevole. La via è stata nuovamente chiusa al traffico per permettere ai vigili del fuoco di operare e di rimuovere la parte più consistente dei detriti. Ma tant'è che questa nuova frana mette in luce i problemi di una città, dove bastano un paio di giornate di maltempo perché i muraglioni di contenimento si sbriciolino. Esattamente come era successo in via Ventotene all'inizio di aprile. Allora era stato necessario evacuare il palazzo davanti alla frana e 64 famiglie che hanno dovuto trovare un albergo o farsi ospitare da parenti e amici. Tornando a via Dassori, giusto mercoledì scorso l'assessore comunale alle manutenzioni Gianni Crivello aveva detto che la situazione era sotto controllo e che ci sarebbero voluti 200mila euro e un mese per chiudere lo squarcio di dieci metri che si era aperto nella notte. Ora di frana ne è venuta giù una nuova, e Tursi che farà?