il derby dei lettori

2 PROBLEMA INESISTENTE

Non serve spostare

il mercato per le partite
Caro Massimiliano, con tutto il rispetto possibile per il campionato di Serie B e con la lungimiranza richiesta per la sicurezza fuori e dentro gli stadi italiani e quindi del Luigi Feraris, mi sembra che intorno alle partite da giocare il sabato della Sampdoria si stia montando un caso «pazzesco» senza oggettivamente esisterne le motivazioni.
Perché «chiudere» il mercato di Via Tortosa? Per i tifosi. Bene, ragioniamo sui dati concreti. Il campionato di Serie B ha una media spettatori bassissima e le squadre in trasferta sono seguite da pochi intimi (fatta eccezione forse per due/tre).
L'impatto dei foresti sarebbe quindi minimo. Dire che i tifosi avversari della Samp possono costituire una situazione di pericolo è voler negare i fatti. Basta un servizio di agenti ben fatto e tranquillamente si può gestire la cosa senza far impazzire le persone. Anzi trovo fuori contesto impressionare la gente con il fenomeno della delinquenza negli stadi senza tenere conto di ogni singola situazione. Per quanto riguarda il tifo casalingo si parla alla società Sampdoria e a tutti i tifosi (al tifo Organizzato) se cortesemente si comportano in modo corretto ed educato per consentire ai concittadini di continuare un'importante attività economica fondamentale per il tessuto della città e del quartiere nello specifico. Sono certo che la signorilità consueta del tifo blucerchiato sarà certificata anche in questa situazione.
La gente deve poter parlare alla politica e la politica deve fare la sua parte e non delegare sempre ad altri le responsabilità e le soluzioni ai problemi.
Questo tipo di problema necessita di una risposta condivisa ed equilibrata (Comune di Genova, forza pubblica, Sampdoria Società, tifosi e Commercianti) e non di un dictat.
2 POESIA E RETROCESSIONE

Sorridere in versi

del triste campionato
Nel mezzo del cammin del campionato
il tifoso doriano era sicuro
che avrebbe migliorato il risultato
dell’anno prima, avendo a guida un duro
allenatore, tal Mimmo De Carlo
che avrebbe in difesa eretto un muro;
che l’attacco non si dovea cambiarlo
possedendo un paio di gioielli:
il risultato era sol da immaginarlo!
Crogialandosi con questi sogni belli
pensava ai cugini rossoblù
là in fondo con gli altri stenterelli!
Ma ci mise la coda Belzebù
iniziando dal derby rinviato
E di punti non ne fecer quasi più
Venduti i due fenomeni è sorto il Comitato;
Di Carlo è giudicato un mollaccione
perché nel derby è stato rafignato
Intervien quindi il grande Paperone
che acquista Biabiany, Macheda e per buon peso
aggiunge, mi rovino, Maccarone
Come tecnico che fa il novello Creso?
Riesuma dal museo il mister Cavasin
che nei passati anni era incompreso
Si presentò come un gran Mago Merlin,
ma dai proclami espressi si capì
che della squadra non sapea un belin!
Ed il finale non potea che essere così
ed al contrario di quanto era sperato
il Genoa in serie A è restato
e la Sampdoria è sprofondata in B.
Pino Camicio