il derby dei tifosi

Forse non c’entra il calcio

nella civiltà del «chi se ne frega»

Che i disabili siano una categoria sfortunata non è colpa di nessuno. Ma che a tale condizione si aggiungano altre «sfortune» create dall’uomo è inaccettabile.
Mi riferisco all'aggressione subita al termine del derby di Genova da un «diversamente abile» - come ipocritamente alcuni definiscono coloro che appartengono a questa categoria - ad opera di tifosi avversari sotto l'occhio indifferente di svariate diecine di persone.
Che la vigliaccheria e la cattiveria la facciano oramai da padrone è cosa nota. Lo vediamo in tante situazioni dove non c’è neppure il tifo calcistico a far da alibi ai comportamenti incivili, come il negare il permesso ad installare un corrimano a fianco di una scala impedendo così al disabile l'agibilità al caseggiato dove abita o posteggiando la vettura sul marciapiedi chiudendo il varco alla carrozzina del malcapitato. O facendo chiasso pazzesco sino a tarda notte sordi alla disperazione di chi vi abita sotto.
È purtroppo il trionfo del «chi se ne frega» che pone l'uomo molto in basso nella classifica della civiltà dei valori. Parole ormai in agonia.

222
Situazione molto difficile,

aspettiamo l’intervento della società

Dopo la sconfitta della Sampdoria contro il Milan, la società deve intervenire e prendete provvedimenti seri.
La situazione si fa delicata e pesante. Dove erano i nostri giocatori sabato sera: vere mummie in campo, gente che non sta in piedi, senza grinta, senza gioco.
C’è solo una nota lieta: quei tremila tifosi che a San Siro hanno cantato inesorabili. I giocatori vanno e vengono, il nostro amore per la Samp rimane.
Alfredo Parodi
222
Speriamo che il «premio» a Scarpi

non nasconda qualcosa di peggio

Vorrei sapere cosa ne pensate della sorpresa di Scarpi in porta domenica. Ho sentito dire e ho letto che Gasperini ha spiegato che Scarpi meritava un premio per la partita di Coppa. Ma...
1) Non mi ricordavo un partitone fenomenale del buon Alessio in quel di Praga.
2) Non era già quella partita un premio?
3) Pur non avendo nulla da rimproverare a Scarpi, non dobbiamo temere un dualismo tra portieri sempre controproducente o peggio qualche problemino con Amelia?
Alberto Fossa