Doria: «I no global pianificarono l'assalto»

«Nel 2001 durante il G8 ero sceso in piazza e avevo fatto il no global perché condividevo talune idee progressiste e pacifiste. Tuttavia, quando avevo sentito gli slogan violenti, parole come attacco e invasione della zona rossa, me ne ero andato via. Non avevo partecipato al corteo di venerdì 20, il giorno della tragica morte di Carlo Giuliani. Gli slogan di quella protesta di piazza erano sbagliati. Invece, avevo manifestato giovedì 19 e sabato 21, il giorno in cui, come tanti altri, ero riuscito a fuggire dalle cariche della polizia scappando per corso Torino».
Marco Doria è il primo sindaco di Genova che partecipa alla commemorazione del giovane violento con l'estintore in mano, avvenuta ieri pomeriggio in piazza Alimonda. Sul palco i genitori Heidi e Giuliano. Davanti una piazza vuota: all'inizio un centinaio di autonomi, alle 17.27, ora della morte di Carlo Giuliani, meno di 300.(...)