E l'aula ringrazia Lavagna per il depuratoreIl consiglio comunale di Casarza Ligure

Termina con un ringraziamento il consiglio comunale di venerdì sera a Casarza Ligure. Un ringraziamento al Comune di Lavagna per il progetto relativo al nuovo depuratore che dovrebbe sorgere alla foce dell'Entella. Circa 60 milioni il preventivo per l'opera che dovrebbe iniziare nel 2014 e concludersi («ma difficilmente si riuscirà a rispettare i tempi previsti», prevede il sindaco di Casarza, Claudio Muzio) entro la fine del 2015. Ma nel computo dei costi bisogna annoverare anche quelli politici che stanno mettendo a dura prova l'amministrazione lavagnina col sindaco Giuliano Vaccarezza messo sotto attacco dalla minoranza e da diversi comitati di cittadini. Ciononostante «per Casarza e per gli altri comuni interessati (Sestri Levante, Castiglione Chiavarese, Cogorno, Casarza, Ne e Carasco , ndr) - ha spiegato Muzio - si tratta di un'opera importante che saprà risolvere il problema del trattamento delle acque e riportare le famose bandiere blu sul nostro litorale». Senza dimenticare, ha aggiunto il sindaco, «il progetto di pista ciclabile che grazie ai fondi del depuratore potrebbe collegare il nostro territorio a Sestri Levante fino a Lavagna».