Festival di intrighi a Borgio Verezzi

Il mare liscio come l'olio, che luccica per la luna piena dall'alto di una terrazza dei borghi medievali più suggestivi d'Europa. Venti sere di spettacoli dal 12 luglio all'11 agosto e un'anteprima-evento internazionale al Teatro Gassman il 6 luglio, tutti dedicati alla «Signora della scena» Mariangela Melato.
Ieri mattina in Regione l'assessore Angelo Berlangieri, insieme al sindaco Renato Dacquino, al direttore artistico Stefano Delfino e all'attore genovese Dado Tedeschi, ha presentato il 47° Festival teatrale di Borgio Verezzi. Il leit motiv per il 2013 è la «bugia» quale tematica comune a tutti gli spettacoli. Dagli inganni agli scambi di ruolo, travestimenti, equivoci, colpi di scena. Il Comune ha annunciato che i biglietti rimarranno fermi al prezzo di 23,50 euro. Ristoranti, bar e il parcheggio saranno aperti fino a notte inoltrata. Per il pubblico sarà in funzione anche il comodo servizio di bus navetta dal litorale fino al borgo e ritorno.
Il Festival 2013 s'inizia con l'anteprima del 6 luglio, quando andranno in scena anche le marionette giganti e le maschere create dall'artista francese Loic Bettini con lo spettacolo intitolato «Chapi Chapo Chabaret Poetic». Prima della performance, alle ore 20, è previsto un brindisi d'inaugurazione con proiezioni presso lo «Spazio Arte» in viale Colombo.
Il 12, 13 e 14 luglio il Festival si sposterà nella sua culla e palcoscenico naturale in piazzetta Sant'Agostino, dove sarà rappresentata «Mandragola» di Niccolò Macchiavelli, con Paolo Bonacelli e Jurij Ferrini. Il 18 e 20 luglio sul palco verezzino ci sarà il curioso avvicendamento e cioè lo stesso cast, ma a serate alterne, fra «Taxi a due piazze (20 anni prima)» e il suo seguito il 19 e 21 luglio con «Chat a due piazze (20 anni dopo)», entrambi di Ray Cooney, con Gianluca Guidi e Gianluca Ramazzotti. Il 23 e 24 luglio è in programma «Trappola mortale» di Ira Levin, con Dado Tedeschi, Ettore Bassi e Miriam Mesturino. Il 27 e 28 luglio a Borgio Verezzi salirà «Pinocchio» nell'adattamento teatrale di Ugo Chiti, con Paolo Cioni e gli altri attori della Compagnia Arca Azzurra Teatro. Il 31 luglio, 1 e 2 agosto, andrà in scena «Uomo e galantuomo» di Eduardo De Filippo, con Gianfelice Imparato, Giovanni Esposito, Valerio Santoro e Antonia Truppo. Il 5 e 6 agosto è in cartellone «Uscirò dalla tua vita in taxi» di W. Hall e K. Waterhouse, con Franco Castellano, Maximilian Nisi e Maria Letizia Gorga. A chiudere la rassegna teatrale il 9, 10 e 11 agosto sarà «Un suocero in casa (...ma c'è papà)» di Peppino e Titina De Filippo, con Luigi De Filippo e la sua compagnia teatrale.
A margine del festival sono in programma i tradizionali premi. Dal prestigioso Premio nazionale Veretium per la Prosa al Premio Virgin Active al Premio Camera di Commercio di Savona. Per l'estate 2013 sono inoltre previsti altri eventi collaterali come «Ragazzi sul palco del Festival» in programma l'otto luglio e che avrà come protagonisti gli studenti-attori di scuole medie e superiori della Liguria, mise en space con Miriam Fornisano e Sarah Pesca, il Premio Ipazia alla nuova drammaturgia internazionale del Festrval dell'eccellenza femminile di Genova. Anche quest'anno l'inaugurazione prevede il tradizionale ed elegante Aperitivo Teatrale a cura dell'AIS e dell'associazione Donne del vino.
Ci saranno pure incontri di «Aperitivo con l'attore» in compagnia dei protagonisti del 47° Festival di Borgio Verezzi. Lo studio Azais allestirà una mostra di «Fotografie in scena, dieci anni di spettacolo» e nella seconda metà di agosto saranno proiettati i film dedicati a Mariangela Melato nell'ambito della 24ª Rassegna Cinematografica nazionale di Borgio Verezzi.