G8, pena ridotta al comandante dei poliziotti

Sconto di pena anche al poliziotto che comandò l'irruzione alla Diaz. È stata rideterminata a tre anni e tre mesi di reclusione la pena per l'ex capo del Reparto Mobile di Roma, Vincenzo Canterini, condannato assieme agli altri 16 funzionari di polizia il 5 luglio scorso dalla Cassazione, per il blitz alla scuola Diaz, nella notte del 22 luglio 2001 al G8 di Genova e in particolare per aver firmato i verbali falsi che giustificavano il blitz violento, accusando le vittime di aver opposto resistenza accoltellando un agente e nascondendo le molotov.
La V Sezione Penale, infatti, ha ricalcolato la pena per Canterini, che aveva avuto in appello la condanna più alta tra i funzionari, cinque anni, applicando la prescrizione della condanna per lesioni gravi. La Corte ha così corretto il dispositivo emesso il giorno stesso della sentenza, nel quale però non era stato indicato il ricalcolo della pena. La condanna comunque è coperta da indulto.