Garrone si «scusa» con La Russa

(...) Garrone non nega di aver «raccontato di un episodio avvenuto nel corso dell’intervallo della gara Sampdoria vs Catania della domenica precedente, senza peraltro fare mai riferimento alcuno a persone fisiche». Ma, inevitabilmente, la colpa è solo della stampa. «Se i giornalisti presenti hanno poi ritenuto di dover accostare il “politico” in questione alla Sua persona me ne dolgo», scrive il numero uno blucerchiato. Una doglianza per quello che nella lettera viene definito «uno spiacevole equivoco che si è venuto a creare».
La preoccupazione di Riccardo Garrone è soprattutto quella di ridimensionare l’accaduto. Infatti all’onorevole di An, che aveva chiesto scuse formali e il ritiro delle illazioni per non procedere legalmente, il presidente «ribadisce che non era mia intenzione sollevare un tale vespaio di polemiche e, ripeto, se questo può averLe arrecato un danno me ne rammarico profondamente». Firmato Riccardo Garrone che si congeda «certo di aver chiarito l’accaduto». La lettera è partita ed è stata già ricevuta, via fax, dall’onorevole. Una mano testa è stata porta. La parola all’offeso che aspettava le scuse.
Sul fronte della squadra, intanto, arriva una notizia che profuma già di derby. Cristiano Lucarelli, bomber del Livorno in rotta con la società di Aldo Spinelli, è stato più volte accostato ai blucerchiati. Ma i bookmaker inglesi sembrano preferire altre soluzioni, persino quella clamorosa che vorrebbe l’attaccante sì a Genova, ma dall’altra sponda del Bisagno. In pole position, per i patiti delle scommesse c’è il Livorno (pagato due volte la posta), a seguire la Fiorentina (data a 5), poi il Genoa, pagato 6. Ecco poi l’ipotesi Samp: con un euro giocato se ne vincerebbero 10 se Lucarelli fosse l’erede di Bazzani.