Il «Genio del soul» in un video La storia al Museo del JazzRay Charles

Martedì 16 aprile alle 18 alla Sala del Consiglio della Provincia in Largo Eros Lanfranco, 1 il Museo del Jazz presenta «Ray Charles: il genio del soul». Un video originale e fuori commercio ideato per il Museo del Jazz da Giorgio Lombardi e realizzato con la collaborazione di Gianni Sorgia.
Ray Charles, venuto prepotentemente alla ribalta negli anni Cinquanta, come artista di punta della Atlantic, ha nobilitato il rhythm and blues e la soul music, generi che in quegli anni furoreggiavano, grazie alle straordinarie risorse della sua voce. Una voce dalle sonorità tragiche e laceranti in grado di interpretare il blues con una drammaticità più unica che rara, ma al tempo stesso estremamente duttile e capace di rivisitare gli standards e le ballads con sensibilità. Nel video sono condensati spezzoni di vari filmati riproducenti stralci di concerti di epoche diverse nei quali il grande vocalist suona e canta i suoi cavalli di battaglia: «Georgia On My Mind», «What I Say», «Mess Around», «I Got a Woman», «Just For a Thrill», «Lewis Boogie», «America It's Beautiful».
Nel video - integrato da una serie di interviste in lingua italiana, raccolte, tra gli altri, anche da Clint Eastwood, nelle quali Ray Charles ricorda i suoi inizi come pianista ed elenca i musicisti che lo hanno maggiormente influenzato all'inizio della sua carriera - compaiono altri illustri esponenti del rock, del soul e del rhythm and blues, come Fats Domino e Jerry Lee Lewis. Ingresso libero ad esaurimento posti.