Genova diventa capitale del mondo 2.0

Una serie di incontri brevi, aperti al pubblico, ognuno della durata tassativamente massima di due ore, e dedicati, il primo, a mondo mobile e App, in successione a social network e search engines, e-commerce, turismo 2.0, Genova smart city e, infine, a web e carta stampata: è questa, in estrema sintesi, l'iniziativa pensata e realizzata (in collaborazione con Confindustria Genova) da CircleCap, azienda genovese che si occupa di sviluppo software e marketing digitale ed è uno spin off specialistico di Cap, a sua volta importante società informatica con oltre trent'anni di attività. «Lo schema ripetuto - spiega in particolare Alberto Clavarino, consulente di CircleCap e uno dei più impegnati promotori del progetto di incontri - sarà molto snello e prevede uno speaker di livello che introduce l'argomento, seguito da alcuni casi reali di applicazioni, per terminare con una classica sezione di domande e risposte».
Ala base del programma di incontri, la constatazione che, per colpa degli addetti ai lavori, di solito poco capaci a comunicare in modo facile e comprensibile, si è creato un gap sempre più marcato tra «esperti», o presunti tali, e il mondo delle aziende normali, cioè quelle aziende che vedono internet semplicemente come uno strumento e non come la loro ragione di vita. «Per tutte queste aziende - insiste ancora Clavarino - le parole d'ordine App, social network, e-commerce, Seo-Search engine optimization, responsive web design (non a caso tutte, rigorosamente, in inglese), sono nella migliore delle ipotesi parole già sentite, di cui magari si conosce anche il significato, ma non le potenzialità e i vantaggi specifici e reali per la propria azienda».
Se poi a questo si aggiunge il fatto che «i decisori nelle aziende principali sono persone, specie in Liguria, un po' in là negli anni e quindi per forza non legate al mondo internet dall'inizio della carriera, ma che anzi l'hanno vissuto spesso come una sorta di “pericolo“ in quanto elemento potenzialmente destabilizzante nella gestione aziendale», la serie di incontri si configura come una vera e propria operazione di stampo culturale. Il ciclo si inaugura il 23 aprile, dalle 17 e 30 alle 19 e 30, sempre nella sede di Confindustria Genova, e prosegue «quasi sempre il 23» che è diventato anche il titolo della serie di incontri: «Infatti - aggiunge Clavarino - per facilitare la memorizzazione della data, si è pensato di scegliere sempre lo stesso giorno, ma siccome il 23 giugno cade di domenica, per quell'appuntamento si va al 25...».
Primo incontro dedicato alle App, con relazioni di Maurizio Cuzari su «Il mondo è mobile», Maurizio Galbiati e Alessandro Campagna sul Salone Nautico, Matteo Garnero su Banca Carige, e Marco Ferrando su CircleCap. Il 23 maggio, Fabio Lalli, Paolo Salvi, Gabriele Cazzulini e Carlo Rubino parleranno di social network e search engines. Il 25 giugno, Franco Cavagnaro, Daniela Bernardi e Walter Ferraro relazioneranno sull'e-commerce, mentre il 23 luglio sarà la volta di Angelo Berlangieri, Gianni Rasom, Michela Scotto e Marco Ansaldo in tema di «Turismo 2.0». L'incontro del 23 settembre sarà dedicato a «Genova smart city», di cui tratteranno Paolo Pissarello e Paola Girdinio. Infine, il 23 ottobre saranno di scena i «media», all'insegna di «Web e carta stampata», con l'intervento di Umberto La Rocca, Massimiliano Lussana, Mario Bottaro e Laura Guglielmi.
Informazioni dettagliate sul sito di CircleCap: www.circlecap.eu.