Già 6400 euro per i terremotati

Il cuore dei lettori del Giornale di Genova non si smentisce mai. Solo da pochi giorni è stato infatti aperto il conto corrente per rendere possibili le donazioni a favore delle popolazioni terremotate e la cifra è subito schizzata alle stelle. L’ultimo aggiornamento dice che sul conto corrente della Banca Passadore il cui numero riportiamo qui a lato, ci sono già 6.400 euro. Cifra destinata a salire e soprattutto ad essere consegnata direttamente a chi ne ha bisogno al più presto, con l’adozione di un paese.
Genova e la Liguria sono ancora una volta in prima linea quando si tratta di aiutare chi soffre. E in questo senso vanno ricordati anche i tanti volontari coordinati dalla Regione Liguria che si sono subito trasferiti in Emilia. A loro hanno reso visita nei giorni scorsi anche due consiglieri regionali del Pdl, Marco Melgrati e Roberto Bagnasco, che hanno incontrato i responsabili della Protezione Civile ligure che coordina il campo e la tendopoli in grado di ospitare 250 persone (di cui 60 bambini) a San Felice sul Panaro. «Abbiamo trovato una popolazione molto provata - raccontano Melgrati e Bagnasco, i primi amministratori liguri a raggiungere le zone colpite -. Ma in tutti abbiamo colto la grande voglia di ricominciare e di ricostruire al più presto».
All’iniziativa del Giornale e a quella istituzionale della Regione Liguria si sommano ovviamente anche le molte organizzate da privati. Tra queste c’è quella della catena di supermercati Carrefour, che offre ai proprio clienti con carta di accumulo punti, la possibilità di donare 5 euro decurtando dalla propria tessera 300 punti. Ai 5 euro offerti dai soci se ne aggiungeranno altri 5 a carico dell’azienda.
Intanto il terremoto ha spaventato anche la Liguria, In particolare Chiavari il neo sindaco Roberto Levaggi ha voluto fare il punto sulla situazione di alcuni edifici pubblici lievemente danneggiati. La situazione peggiore, nel tribunale.