«Guiderò la Feg sulle orme di mio nonno e di mio padre»

«La nostra Fondazione si sta connotando sempre di più, è una recente svolta conforme peraltro ai suoi principi fondativi per la sua natura popolare e divulgativa. Più cultura per tutti, non cultura per pochi». Scriveva così il suo presidente Riccardo Garrone nel presentare la Fondazione Edoardo Garrone. Sintesi perfetta dunque dell'attività di una delle maggiori fondazioni culturali che operano in Italia. La Feg creata nel 2004 a Genova per volontà delle famiglie Garrone e Mondini in memoria di Edoardo Garrone che nel 1938 avviò l'attività industriale del Gruppo Erg è difatti considerata tra le maggiori fondazioni culturali operative in Italia. E oggi ad un mese dalla scomparsa del suo presidente sotto il segno della continuità, l'importante eredità passa al figlio Alessandro Garrone. Nominato presidente dal consiglio di amministrazione composto da Carla Garrone Mondini (vice presidente), Filippo Garrone, Giulia Mondini Clavarino, Paolo Corradi (segretario generale), Pietro Granello di Casaleto, Massimo Pezzolo. Ha 49 anni è il secondogenito di Riccardo Garrone e attualmente ricopre la carica di vice presidente esecutivo e presidente del Comitato Strategico di Erg spa e di presidente del consiglio di amministrazione di Erg Renew spa. (...)