L'ANTICIPOIl Comune vuole subito i soldi della Tares

Acconto nuova Tares in due rate, ciascuna del 41,5 per cento della vecchia Tia versata l'anno scorso con scadenze 31 luglio e 30 settembre. Il consiglio comunale di Genova ieri ha deliberato la mini stangata per i genovesi sulla tassa dei rifiuti. Per le imprese sono previste tre rate di acconto, ciascuna equivalente al 27,6 per cento della vecchia Tia con scadenze 15 luglio, 16 settembre e 15 ottobre. Una volta sborsato l'ottantatre per cento, abitanti e imprese entro il 31 dicembre dovranno tirare fuori i soldi per il restante 17 per cento e i probabili aumenti stabiliti dalla nuova Tares.
In Sala Rossa hanno votato sì in 30 consiglieri, 5 no e 2 astenuti. Favorevoli a tassare i genovesi si sono detti favorevoli Pd, Lista Doria, Sel, Idv, FdS, M5S, Udc. Contrari Pdl, Lega e Lista Musso. Il voto favorevole è stato accolto dagli applausi de lavoratori di Amiu presenti nella tribuna riservata al pubblico perché «soddisfatti di poter ricevere lo stipendio».