L'estremo levante ligure fa segnare il record di afa

(...) C'è il reale pericolo che il caldo possa rappresentare un rischio per la salute nelle persone più fragili, come i bambini, gli anziani o gli ammalati. Già domani però, contrariamente a molte altre città, Genova scenderà al bollino giallo.
Come peraltro previsto, ieri è stato il giorno più caldo del 2013 (ma non era certo un record difficile da centrare). A far registrare il massimo livello di temperatura in Liguria è stato, fra le ore 16 e le 17 a 96 metri sul livello del mare, il comune di Castelnuovo Magra, con 37,7°C.
Il Comune dell'estremo levante è stato la punta infuocata di un'area spezzina caratterizzata da temperature massime oltre la soglia dei 30°C, che hanno visto Sarzana sul gradino più basso del podio con 33,3 °C. Al secondo posto di ieri, invece, l'altro estremo ligure: Rocchetta Nervina, in provincia di Imperia, con 33,5 °C. Era da lunedì 20 agosto 2012 che in regione la colonnina del mercurio non raggiungeva certi valori.
Tutte al di sotto dei 30 gradi, invece, le città capoluogo, con La Spezia a guidare comunque il gruppo con i suoi 29.8 gradi, seguita da Savona (29.6), genova (28.3) e Imperia, la più fresca con 25.7. Per tutto il fine settimana è stata appunto la provincia spezzina l'area più afosa della regione, visto che anche tutti i picchi di caldo registrati prima del record di ieri, arrivano da quella zona, sempre con Castelnuovo Magra in cima alla lista. Già domenica la temperatura era stata di 34.5 gradi e sabato di 32.1. Tutti registrati invece domenica gli altri valori più alti del fine settimana. A Riccò del Golfo la colonnina di mercurio è salito fino a 30.7 gradi, seguiti dai 30.3 di Sarzana e dai 29.2 di Fabiano. Questi dati sono stati rilevati dalle centraline dell'Arpal che tengono costantemente monitorata la situazione del caldo.