L'IDEATante storie per un libro

Caro Lussana, con questa storia di Guccini mi hai provocato, e come coordinatore di «Storie di Jeri» mi hai fatto trovare quella che è una delle finalità del nostro Centro Studi: la memoria delle cose, dei fatti, delle persone perdute, ma che hanno significato qualcosa per qualcuno o per noi tutti. Le nostre ricerche spaziano spesso nei secoli passati, ma quanto stai pubblicando in questi giorni sul Giornale, mi conferma che anche il Novecento è ricco di splendide «Storie di Jeri». Sono storie da conservare e la pagina di giornale si conserva male. Se già non l'hai pensato ti consiglierei di raccogliere tutte queste lettere in un libro, sono convinto che incontrerebbe l'interesse di tanta gente.