Il me ne frego di De Canio: «Assurde critiche dopo la Lazio»Il Genoa a Marassi riceve il Parma

Bello perdente o brutto vincente? De Canio non si accontenta: «Mi piacerebbe vedere una bella partita con una bella vittoria. Contro la Lazio ci è stato riconosciuto meno di 1/5 di quello che abbiamo fatto. Non so da dove vengano tutte queste critiche. Sinceramente me ne frego». Bello e vincente cercherà di essere il Genoa stasera contro il Parma. Sfida insidiosa per il valore dell'avversario e perché si torna a giocare a soli tre giorni dall'impresa dell'Olimpico. La squadra di Donadoni ha avuto un giorno in più per riposare. Logico che De Canio mediti il turnover. «Un po' ci penso e un po' mi ci fanno pensare - dice l'allenatore che oggi festeggerà 55 anni e 200 panchine in A -. Qualcosa cambierò. Borriello e Immobile? Non hanno alternative». Rispetto alla gara con la Lazio ci saranno 4 o 5 novità. A partire dalla difesa con Bovo e Antonelli sulla rampa di lancio. Il vero dubbio però è a centrocampo con il probabile forfait di Jankovic per pubalgia. Il giocatore serbo è stato convocato, ma dovrebbe partire dalla panchina. Pronto Tozser. Bertolacci sostituirà Merkel nel ruolo di trequartista. Intanto ieri Rossi è stato sottoposto a un intervento al menisco del ginocchio sinistro: un mese di stop. La formazione rossoblù: Frey, Sampirisi, Bovo (Canini), Granqvist, Antonelli, Seymour, Tozser, Kucka, Bertolacci, Immobile, Borriello.