Morgillo (Pdl) contro i doppi incarichi: «Si faccia l’assessore a tempo pieno»

Soprattutto sanità, ma anche i doppi incarichi di qualche componente di giunta comunale, e la futura sede dell’Idrografico: c’era questo all’ordine del giorno della seduta di ieri mattina del Consiglio regionale, caratterizzata - ma ormai non è una sorpresa - dallo spettacolo (!) di tante sedie vuote in aula e nei banchi della giunta.
Doppi incarichi Il problema era stato sollevato dal vicepresidente dell’assemblea, Luigi Morgillo (Pdl) a proposito di Francesco Oddone, titolare dello Sviluppo economico nella squadra del sindaco Marco Doria e presidente di Datasiel. Nel frattempo Oddone si è dimesso dalla società partecipata dalla Regione, «ma il discorso - ha sottolineato Morgillo - vale anche per altri assessori; anche se non c’è incompatibilità legale, esiste un’incompatibilità morale da rispettare: ad esempio, per Pino Boero, che ha incarichi nell’Università, e Isabella Lanzone, già impegnata nella Asl di Udine, ma candidata a trovare posto nella Asl 3 genovese. Il presidente Claudio Burlando, pur dando atto che «Datasiel ha lavorato molto bene e avviato un buon processo di razionalizzazione dei costi con la presidenza di Oddone», ha lasciato capire che, se l’assessore non si fosse dimesso, la Regione avrebbe esercitato qualcosa di più di una moral suasion per convincerlo.
Idrografico Lorenzo Pellerano (Lista Biasotti) ha chiesto alla giunta di salvaguardare la presenza a Genova del glorioso istituto scientifico. Gli ha risposto Burlando, assicurando che la Regione si sta adoperando per favorire l’insediamento dell’Idrografico agli Erzelli.
Beneficenza Roberta Gasco (Pdl) ha promosso «Capenorth Adventure», spedizione - a bordo del trattore Golden MF7624 - di Gianni Brovida e Leonardo Cavazzi che partirà domenica da Cengio e attraverserà l’Europa per raccogliere fondi per una scuola agricola del Ciad.