Il Nautico che si ferma «chiama» a Genova i mercati russi e arabi

Milano«Dobbiamo riportare il mondo a Genova attraverso una promozione internazionale». La speranza arriva da Sara Armella, presidente di Fiera di Genova spa che ieri mattina a Milano ha presentato la 52esima edizione del Salone Nautico che si terrà dal 6 al 14 ottobre.
Salone che firma la svolta, il cambiamento, presentandosi anche all'estero: prima tappa Mosca e poi nei paesi arabi. Ma è dalla Fiera di Genova e da Ucina Confindustria Nautica che parte l'impegno al rinnovamento attraverso un percorso in cui il prodotto non è più il solo protagonista, ma la visita diventa un'esperienza capace di coniugare business, passione, interattività ed eventi. Un percorso nel quale è introdotta anche la città, visto che il motto della prossima edizione sarà «Fermarsi a Genova». «Nel 2012 si disegna il salone del futuro. Nuovo, vivace, laboratorio e vetrina di novità, ricerca, innovazione - conferma Armella -. A partire dal ritorno della subacquea. Ma anche servizi a espositori, in fiera e prima della fiera, incoming e internazionalizzazione, sport». E la «rivoluzione salone» si svilupperà su quattro padiglioni, due marine e ampi spazi all'aperto fronte mare a favore di una suddivisione merceologica che ottimizza il percorso di visita. Duemila le imbarcazioni presenti, già 800 le aziende coinvolte, 1.300 gli espositori. Numeri eccellenti ma la crisi incombe: «Dobbiamo fare i conti con un settore della nautica che sul mercato nazionale ha perso oltre l'80 per cento negli ultimi quattro anni - ha affermato il presidente di Ucina Confindustria Nautica Anton Francesco Albertoni - e questo dato drammatico non potrà che ripercuotersi anche sul Salone».
Nella nuova Marina una particolare disposizione dei pontili consentirà a tutte le imbarcazioni di effettuare le prove in mare. Nuovi spazi anche per accessori e componentistica al padiglione C. Novità nel padiglione S che segna l'ingresso della subacquea e dello shopping accanto a quelli dedicati a turismo, servizi e strumentazione elettronica.
Diversi i convegni, gli incontri e le iniziative collaterali: tra le novità il premio Tridente d'Oro, considerato il premio Nobel della subacquea mondiale e «The Best Marine Woman of the year» che premierà il mondo femminile impegnato nell'imprenditoria nautica e il villaggio olimpico e paralimpico di Weymouth allestito all'ingresso per ammirare le derive utilizzate durante i Giochi di Londra di quest'anno e scoprire in anteprima le classi olimpiche che parteciperanno alle Olimpiadi di Rio 2016. Torna, invece, la campagna «Navigar m'è dolce» per diffondere la cultura della nautica e del mare con la Federazione Italiana Vela e una «joint venture» con il progetto Giovani della Fondazione Carige. Confermato anche «GenovaInBlu», il programma di eventi «fuori salone» che lo scorso anno ha animato la città con eventi, spettacoli ed incontri dalle vie storiche dal centro alla periferia. Il Salone sarà aperto tutti i giorni dalle 10 alle 18; il primo sabato fino alle 22.30. Il biglietto d'ingresso costa 15 Euro, 13 il ridotto. Per i ragazzi fino a 14 anni se accompagnati l'entrata è gratuita.